"Finito il tempo delle vacche sacre"

E-mail Stampa PDF

Il Quotidiano della Calabria, 25 giu. 2011

L’europarlamentare Arlacchi in prefettura a Crotone contro il pascolo selvaggio

di Giacinto Carvelli

Pino Arlacchi, eurodeputato del Pd, ha mantenuto la sua promessa di occuparsi delle “vacche sacre” che da anni stanno devastando il territorio di Cotronei, paese presilano in provincia di Crotone. Ieri Arlacchi ha effettuato un sopralluogo nelle campagne di Cotronei, dove doveva partecipare ad un apposito consiglio comunale, promosso dal sindaco Nicola Belcastro in aperta campagna, in località Riviori, una delle zone più colpite dal pascolo selvaggio; impegni istituzionali non gli hanno consentito di farlo e la visita è slittata a ieri. Nella mattinata di ieri, poi, Arlacchi si è recato dal prefetto di Crotone, Vincenzo Panico, per affrontare la questione.

“Qualcosa si sta smuovendo, e dopo tanti anni finalmente si vede uno spiraglio su questo problema che vede calpestati i diritti di molti cittadini”. Arlacchi ha annunciato che, per gli autori dei danneggiamenti, due nuclei familiari, sono in arrivo una serie di provvedimenti sanzionatori di ogni genere. “Sono state riscontrate – ha detto Arlacchi – delle violazioni alle leggi per percepire i fondi comunitari da parte di questi soggetti ed è stato subito attivato l’Olaf, l’organismo comunitario che si occupa di frodi”. Così come confermato da una nota emanata sempre ieri dalla prefettura di Crotone, è stato poi annunciato il rafforzamento dei controlli da parte delle forze dell’ordine. “Devo sottolineare – ha detto ancora Arlacchi – alle autorità regionali il fatto che il dipartimento all’Agricoltura finora non si sia mosso nonostante le molte segnalazioni ricevute”. Così come ha lamentato, lo stesso Arlacchi, la lentezza con cui anche le forze dell’ordine si sono mosse. “Lo Stato c’è – ha detto l’europarlamentare – ma ogni tanto ha bisogno di una mossa per muoversi”.

Arlacchi, poi, ha sottolineato “il comportamento esemplare della cittadinanza di Cotronei, improntato alla civiltà. Non hanno preferito prendere delle scorciatoie né si sono fatti giustizia da soli come invece hanno fatto in altre realtà, ma si sono sempre affidati agli organi dello Stato e atteso, anche se tanto tempo, che loro rispondessero a queste sollecitazioni”.

Infine, Arlacchi ha sottolineato che “anche se dietro non c’è la mafia, ma piccoli delinquenti, il fenomeno è altrettanto grave, visto che incide sui diritti di buona parte della popolazione che si vede danneggiati i suoi terreni. Per i proprietari delle mandrie allo stato brado, che tanta devastazione hanno provocato, saranno revocati i fondi percepiti dall’Europa, dei quali si chiederà la restituzione e dovranno rispondere anche di altre pesanti accuse”. Il tempo delle “vacche sacre”, in quanto intoccabili, a Cotronei sembra essere finito.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 343 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info