La lezione dell'11 settembre: l'impotenza del terrorismo mondiale

E-mail Stampa PDF

11 sett. 2011

di Pino Arlacchi

Colpisce la scarsa retorica dei commenti americani al decennale dell’11 settembre. E domina un po’ dovunque la voglia di uscire dalla sbornia di esagerazioni e di vuota magniloquenza che ci hanno annebbiato nelle settimane successive all’attentato. Nessuno parla più, a proposito di lotta al terrorismo, di scontro epocale o di terza o quarta guerra mondiale.
L’11 settembre non ha inaugurato una nuova era, basata sullo scontro di civiltà, e non ha rappresentato né una vittoria né una sconfitta del fondamentalismo islamico: Al Queda era già in declino, al pari dell’intera galassia del terrorismo internazionale, e da molti anni.

Basta scorrere gli accurati database messi in piedi prima e dopo l’attacco alle due torri - e in primo luogo quello del Dipartimento di Stato- per vederli convergere su un punto: il declino degli eventi di terrorismo internazionale dopo la metà degli anni ’80, e il vero e proprio crollo degli stessi in Occidente e in America Latina nei decenni successivi.
Lìattentato più clamoroso dei nostri tempi non è sfuggito, perciò, alla regola inesorabile che accompagna il metodo terroristico fin dalle sue origini: grande impatto emotivo immediato. Paura. terrore, appunto. E debole o nulla capacità di influenzare il corso vero della storia.
La tragedia di dieci anni fa è rimasta inchiodata al giudizio senza appello che i padri del socialismo emisero sui “signori delle bombe” e sulle loro sanguinose scorciatoie di fine Ottocento-inizi Novecento: inutili e (più spesso) dannosi per la causa della sinistra riformista e rivoluzionaria, manna dal cielo per la destra reazionaria e per l’industria della guerra, pronte a cavalcarne gli effetti per un po’ di tempo.
I grandi processi della nostra epoca hanno proseguito in realtà il loro corso largamente inalterati dalle atrocità di Bin Laden. Mi riferisco alla diffusione dei sistemi democratici e della distensione internazionale correlata (vedi Primavera Araba e diminuzione dei conflitti armati). Mi riferisco al dialogo tra culture e civiltà favorito dalla globalizzazione delle comunicazioni e della conoscenza. E mi riferisco anche ai grandi processi di ascesa e caduta delle potenze mondiali. Cioè al tramonto dell’epoca americana e alla riemergenza dell’Asia come centro dell’economia planetaria.
Per alcuni l’11 settembre non è stato irrilevante, in quanto ha accelerato il declino dell’egemonia americana ed ha fatto comunque molti danni indiretti
all’ Occidente. Secondo Stiglitz ed altri la risposta americana all’attacco fondamentalista ha colpito più dell’attacco in se stesso, perché ha contribuito a buttarci nell’attuale crisi finanziaria. Che è iniziata proprio con le folli spese militari dell’amministrazione Bush per le guerre in Irak e in Afghanistan, pagate senza imporre alcuna tassa extra, coprendo di debiti insostenibili l’America e finendo col mandare in tilt la stabilità finanziaria mondiale.
Condivido questa tesi, anche se penso che la crisi finanziaria ci sarebbe stata anche senza il pretesto della guerra al terrorismo, e che Al Queda e soci si sarebbero rivelati comunque poco rilevanti per la grande storia.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 381 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info