Pd, Calabria, Arlacchi: "Toccato il fondo ma la rotta si può"

E-mail Stampa PDF

Il Quotidiano della Calabria, 11 giu. 2012

di Pino Arlacchi

Quanto accaduto l’altro ieri ha dell’incredibile. Il commissario del Partito Democratico calabrese ha preteso di sospendere e rinviare sine die il congresso PD senza alcuna previa consultazione con i dirigenti regionali, contro il parere dei candidati alla segreteria regionale e senza alcuna valida motivazione. Tutto ciò all’improvviso, a mezzo conferenza stampa, scimmiottando le peggiori pratiche dei partitelli personali.

Il PD ha certo molti difetti. Ma non quello di avere un proprietario. Il PD, inoltre, è partito federale, e basta scorrere fugacemente il suo statuto per avere la misura del rispetto delle autonomie locali che lo ispira.
I candidati alla segreteria, i parlamentari, i sindaci e gli amministratori, gli iscritti e i militanti che hanno partecipato con passione alla preparazione del congresso sono in rivolta. Il sig. D’Attorre, un funzionario che non è stato eletto da nessuno e il cui mandato era solo quello di facilitare l’iter congressuale, si è permesso di trattarli come gente da nulla,
res nullius pronta a ingoiare senza fiatare un insulto di queste dimensioni. Molti hanno rilevato come l’offesa alla dignità dei cittadini calabresi che si riconoscono nel PD era nell’aria da un po’ di tempo, e si intuiva dietro i traccheggiamenti intorno alle scadenze, dietro la drammatizzazione delle diversità delle posizioni e dietro i riferimenti alle imperscrutabili “intenzioni romane”.

Altri ancora hanno osservato con amarezza come in nessun'altra regione italiana ci si sarebbe potuti spingere fino a questo livello di deriva coloniale: solo in Calabria si poteva pretendere di calpestare le pratiche democratiche e di squalificare il fisiologico confronto delle linee interne a un partito in nome della ricerca di un “candidato unitario”, cioè unico.
Avete letto bene. Candidato unico. Perché questo è proprio ciò che è accaduto. A 23 anni dal crollo del comunismo sovietico, lo straccio di motivazione con la quale si è preteso di rinviare senza data il congresso del partito democratico della Calabria è che c’era troppa conflittualità interna ed era meglio rimandare. Come se finora si fosse scherzato. Come se da due anni non si fosse svolta una discussione interna dai modi e dai toni ineccepibili. Come se non si fossero presentate candidature onorevoli, pronte a confrontarsi, misurarsi ed accettare il risultato. E come se ci fosse un membro del Politburo intitolato a stabilire qual è il grado ammissibile di conflitto di una assemblea di cittadini. Come se la Calabria non fosse anch’essa, dopotutto, un pezzetto di Occidente.

Ma forse il fondo è stato toccato. La reazione che ha subito preso corpo in ogni angolo del Partito Democratico della Calabria, ma soprattutto dentro la sua base, colpita nel suo orgoglio e nei suoi diritti fondamentali, è corale e potente. A nome di una vasta piattaforma di iscritti e dirigenti, ho chiesto al Segretario del partito, garante per eccellenza delle regole e dello Statuto, un incontro urgente con una delegazione del PD calabrese finalizzato a ripristinare il calendario congressuale, votando al più presto per il segretario e gli organi dirigenti. Si è in tempo per correggere la rotta, e dissipare la nube scura che sta avvolgendo il popolo del centrosinistra in Calabria.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 195 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info