De Luca a Bruxelles chiede 70 milioni per il waterfront

E-mail Stampa PDF

Il sindaco di Salerno al Parlamento europeo a caccia di finanziamenti: «Fondi Ue ai comuni, non alle regioni»

Corriere del Mezzogiorno, 29 nov. 2012

di Alfonso Schiavino

SALERNO — Servono 70 milioni di euro per riqualificare il fronte di mare. Il sindaco Vincenzo De Luca ha illustrato i suoi conti a Bruxelles, durante una serie di incontri favoriti dall'europarlamentare Pino Arlacchi. Nella prima giornata, martedì, ha incontrato alcuni dirigenti della Commissione europea, poi il presidente del Gruppo socialista europeo Hannes Swoboda e l'ambasciatore italiano Ferdinando Nelli Feroci. Il sindaco, tra l'altro, ha evidenziato la necessità di rafforzare il ruolo dei Comuni nei processi di programmazione e spesa delle risorse europee, mediante una delega diretta di gestione. Concetti ripresi nella seconda giornata, ieri, durante un convegno organizzato da Arlacchi, quando ha potuto dilungarsi sul fronte-mare, progetto complesso che gli sta molto a cuore.


IL PIANO - «È - ha spiegato - l'asse centrale del programma di riqualificazione urbana ma anche di sviluppo economico. Vogliamo potenziare e utilizzare l'economia del mare in tutte le sue componenti, porto commerciale e turistico, stazione marittima, turismo crocieristico, balneazione, cantieri nautici. Per fare ciò, candidiamo Salerno a ottenere finanziamenti europei. Con un investimento di 70 milioni di euro potremmo dare un futuro produttivo alla nostra città. L'impatto occupazionale, in fase di cantierizzazione, sarebbe di 5.500 unità, 1.000 invece gli occupati fissi». Nel corso dell'incontro si è lavorato in particolare all'individuazione dei canali utili ad intercettare i fondi europei per le città. «Il nostro intento - ha precisato De Luca - è un filo diretto con l'Europa, di non aspettare la Regione perché quando le risorse passano attraverso le Regioni affondano nella palude burocratica. Le città riescono a investire molto più rapidamente i fondi comunitari. Anche se la normativa orienta le risorse prioritariamente sulle regioni, il 5% di questi stanziamenti è destinato direttamente ai comuni. Ci candidiamo per questa parte, sperando di non aspettare la programmazione 2015-2020, ma di poterne usufruire sin dal 2013». Terminata la trasferta a Bruxelles, non è conclusa la ricerca dei fondi. Ci saranno incontri con la Regione e con il ministro Fabrizio Barca per giungere a risultati concreti, sia per la parte residua di programmazione in corso, sia per il nuovo programma al 2020.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 223 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info