Home » Rassegna Stampa » Articoli »

Trattativa Stato-mafia: troppe cose non tornano

E-mail Stampa PDF

l'Unità, 21 dic. 2012

di Pino Arlacchi

Leggo e rileggo carte giudiziarie da più di trent’anni e devo confessare che poche volte mi è capitato tra le mani  un documento così scadente come la memoria dei PM di Palermo sulla cosiddetta trattativa stato-mafia del 1991-92. Non si tratta in effetti di un documento giudiziario, ma di una tirata politica di 26 pagine, che come tale non contiene né indizi né prove.

Salvo considerare prove le dichiarazioni di tre pentiti, gli accordi tra un confidente mafioso e un paio di carabinieri spregiudicati, oppure indizi le perplessità espresse da varie autorità del tempo sulla legge 41bis, il carcere duro per i mafiosi.

Nell’ inchiesta sulla presunta trattativa, le ovvie incertezze nel ricordare episodi e date di vent’anni fa da parte di testimoni incensurati sono diventate  false testimonianze.  E sono state ritenute invece credibili  le dettagliatissime - e proprio per questo sospettabilissime - deposizioni su fatti della stessa epoca fornite da impostori da quattro soldi come Massimo Ciancimino.  O da una sfilza di ex-killer, (Spatuzza and company) che in quanto tali non potevano sedere al tavolo dei negoziati ed hanno perciò parlato per sentito dire.

Chi conosce anche superficialmente queste materie non può non restare sconcertato dalla pressochè completa assenza di riscontri alle dichiarazioni delle  “fonti” di cui sopra. Se non viene corroborata da verifiche solide, raccolte con metodi rigorosi, infatti, la parola di un pentito non vale nulla. E quella di un testimone palesemente falso, imputato di calunnia nel medesimo procedimento, vale ancora meno.

Sulle sole dichiarazioni di Tommaso Buscetta, ai tempi di Falcone-Borsellino, furono effettuate oltre 2300 verifiche investigative, sulle quali su basò in larga parte il maxiprocesso a Cosa Nostra del 1986-87.

Il documento della Procura di Palermo, inoltre, avanza una analisi politica mediocre perché omette ogni riferimento al reale  contesto di quegli anni. Una trattativa mafia-stato degna di questo nome richiede una complessa trafila di intermediari, multipli luoghi di negoziazione, accordi collaterali su impunità minori (false identità, falsi passaporti,ecc.). Richiede una capacità di manipolazione in grado di produrre nomine, sentenze, leggi e provvedimenti volti ad onorare gli impegni scellerati.  Quale autorità politica  con la testa sulle spalle era in grado di fornire simili garanzie nell’ Italia dei primi anni Novanta, un paese sconvolto dalla tempesta Mani Pulite nel Nord e dall’ antimafia di Falcone-Borsellino al Sud?

I vertici di Cosa Nostra, inoltre, erano reduci da una dolorosissima “bruciatura” inflitta loro da un circolo di potere interno allo Stato  - quello andreottiano, composto dai vari Lima, Salvo, amici degli apparati della sicurezza e della Cassazione – che si era rivelato incapace di vanificare l’ esito del maxiprocesso. E contro il quale l’ ira funesta di Cosa Nostra, sotto la regia di pezzi di servizi segreti, si stava ancora scatenando. Questo è quanto sapevamo sul tema nell’ era pre-ingroiana. E non è poco. Mancano ancora alcune responsabilità individuali, ma il disegno della connection è ben noto e accertato.

Ma secondo la Procura di Palermo c’era anche un’ altro club, altrettanto malefico, concorrente a quello andreottiano  che, in quelle drammatiche circostanze, aveva confezionato per Cosa Nostra una proposta  di impunità a raggio ancora più largo di quella appena fallita. Tenetevi forte.

Si tratta nientedimeno che del circolo Scalfaro-Conso-Mancino-Parisi-Di Maggio-Mori-Ciancimino. Un circolo più forte di quello andreottiano, e in grado di comandare alle Procure, ai tribunali, alla Cassazione, alle forze di polizia e alle carceri di quegli anni un trattamento indulgente o assolutorio verso i capi della mafia. In cambio della cessazione delle stragi e del rientro nei ranghi: c’era la Seconda Repubblica da mettere in piedi. La Repubblica di Berlusconi e di Forza Italia, nata proprio dalla trattativa Stato-mafia.

Bene. Per usare un eufemismo, si tratta di una accusa politica grottesca. A parte i fatti specifici a suo sostegno (inesistenti), essa fa scomparire dal palcoscenico il vero elefante di quegli anni: lo scontro inedito, irriducibile, al calor bianco, tra la mafia e il suo scudo politico-istituzionale da un lato, e le forze della legalità dall’ altro, simbolizzate proprio da Falcone-Borsellino. Forze che proprio in quegli anni, dopo aver conquistato l’ egemonia culturale, si affacciavano per la prima volta al governo del Paese. E che dovevano essere fermate ad ogni costo.

Fu il primo governo Berlusconi a fermarle per un pò, è vero. Ma quel governo non era espressione diretta degli ex-caprai di Corleone. Li comprendeva senza problemi,  ma era una  emanazione di poteri illeciti in pericolo più potenti della mafia, nonché il prodotto di un marketing politico superiore. Certo, Cosa Nostra votò in massa per Forza Italia. Ma per chi avrebbe dovuto votare? Per i progressisti di Occhetto, che promettevano di continuare l’azione di Falcone?

E in ogni caso, dopo i nove mesi berlusconiani del 1994, furono esecutivi tecnici e di centro-sinistra a governare il paese  fino al giugno 2001.

Stragi concepite per portare al governo l’ Ulivo, allora? Una mafia così onnisciente da calcolare Berlusconi di nuovo al potere quasi un decennio dopo Capaci? 

Il documento della Procura di Palermo si ferma qui, nel punto di una tesi politica inverosimile. Ma i  danni collaterali prodotti da oltre quattro anni di bombardamento informativo sull’ argomento vanno molto oltre. Persone perbene come Luigi Scalfaro, Giovanni Conso e Nicola Mancino, sono state condannate ad una gogna vergognosa, e mescolate a pregiudicati della risma di Marcello Dell’ Utri.  Le vicende degli anni 91-93 sono state banalizzate e distorte.

Ma c’è di più. La  predicazione mediatica della tesi sulla trattativa fatta a tempo pieno da Ingroia ha generato una schiera di persone convinte in perfetta buona fede che le malefatte del network di potere Scalfaro & soci (quello dei protagonisti della trattativa), succeduto a quello andreottiano, siano oggi coperte da un terzo network. Che è capitanato da Giorgio Napolitano ed è composto da sopravvissuti della Prima Repubblica che vogliono “impedire la ricerca della verità sulle stragi”, “coprire le vere ragioni di Capaci e Via d’Amelio”, ecc. Ingroia stesso ha parlato di “ragion di Stato” che ostacolerebbe le indagini scomode su episodi di venti anni addietro.

La presa di distanza dei colleghi di Ingroia dalle sue indagini, e la sua decisione di tentare il successo politico per difendersi dal probabilissimo insuccesso giudiziario della sua inchiesta, stanno raffreddando le teste più eccitate. Rimane però grave la responsabilità di aver fornito a Berlusconi un solido argomento contro la politicizzazione della magistratura, e di avere indebolito la reputazione di molti inquirenti che rispettano i doveri di riservatezza e di imparzialità della loro professione.

 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 161 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info