Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

La crisi della Siria è emergenza anche per l'Europa

E-mail Stampa PDF

l'Unità, 17 mag. 2013

di Pino Arlacchi

L’epilogo della tragedia siriana si avvicina, dimostrando che la maggior parte degli esperti aveva visto giusto. Nessuna ribellione armata può prevalere contro un governo che dispone di apparati della sicurezza che non si disintegrano né si dividono in modo significativo, e che è quindi in grado di usarne la forza contro gli insorti. Anche se questi ricevono armi ed aiuti logistici e finanziari dall’esterno, e si dimostrano validi combattenti. E il caso della Siria ha confermato questa regola.
Sulla vittoria in breve tempo dei ribelli siriani avevano scommesso - con importanti eccezioni come quella della Germania - quasi tutti i governi europei più gli Stati Uniti e le tirannie petrolifere del Golfo. L’intransigenza di questa posizione è stata finora completa. A nulla sono valsi gli avvertimenti dei servizi di intelligence, fin dall’inizio molto scettici sulla presunta debolezza di Assad. In nessun conto sono state tenute le crescenti atrocità sui civili commesse dalle formazioni ribelli, che hanno eguagliato le efferatezze dei soldati di Assad.

E nulla hanno contato le lezioni della storia recente. Dall’Afghanistan dei mujaiddin diventati Talebani, alla Libia dei guerriglieri anti-Gheddafi che si sono tenuti le armi ricevute dall’Occidente per poi usarle contro di esso. Crisi e guerre civili si sono aggravate e non risolte. Sono durate più a lungo e sono divenute più sanguinose.
Il flusso di armi ai ribelli da parte del Qatar, dei sauditi, della Turchia e degli USA è stato controbilanciato senza difficoltà da quello dell'Iran e della Russia verso Assad. La maggior parte della popolazione siriana, inoltre, non si è schierata con l’opposizione armata. Anche se larghe parti della società siriana si oppongono al regime di Assad, numerose minoranze religiose come gli Alawiti, i Drusi e i cristiani, assieme a un pezzo della classe media, temono i fanatici islamisti che hanno finito col prevalere all’interno delle formazioni combattenti. Questa è gente che non combatte per la democrazia ma per la sharia e l’oscurantismo. Presa in mezzo tra la ferocia del regime e quella dei ribelli, quasi tutta la comunità cristiana di Aleppo è fuggita dalla città e dal Paese.
E lo stesso è accaduto altrove, dando luogo a oltre 1 milione di rifugiati nei paesi confinanti. Un'emergenza che impone la necessità di un intervento politico e umanitario, come indicato dalla risoluzione approvata la settimana scorsa dal Parlamento europeo a Strasburgo.
Gli ultimi sviluppi ci dicono che le forze governative stanno prevalendo negli scontri sul campo, e ciò sta dando luogo alle offerte di pace e di soluzione negoziata da parte degli USA e della coalizione anti-Assad. Ciò può portare a una conferenza di pace che inauguri l’assetto prefigurato finora senza successo dai tentativi diplomatici dell’ONU (uscita di scena di Assad, elezioni, ricostruzione). Ma può anche portare alla sconsiderata, deprecabile decisione di ricorrere alla forza su scala ancora più vasta, non usando più il tramite delle fazioni di ribelli, ma lo strumento dell’intervento militare diretto.
Quest’ultima eventualità viene favorita esplicitamente dalla destra americana, e ad essa sembra alludere il governo Cameron: eliminazione dell’embargo e creazione di una no-fly zone come premessa dei soliti bombardamenti a tappeto con l’obiettivo di distruggere fisicamente il regime siriano. E di incendiare il Medio Oriente. A questo ci si deve opporre.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 281 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info