Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Spreco fondi europei. L'attacco di Arlacchi alla giunta regionale

E-mail Stampa PDF

L'europarlamentare all'iniziativa del Pd chiede progetti per il porto e il territorio

Calabria Ora,  24 giu.2013

di Domenico Mammola

L'ultimo treno per la Piana si chiama Europa. Non ha dubbi Pino Arlacchi, eurodeputato del Pd, nel descrivere le prospettive del comprensorio degli ulivi. Nel corso di una iniziativa a Bagnara, organizzata dalla sezione locale guidata da Giusy Versace e
dai Giovani Democratici di Nino Castorina, c'erano tantissimi dirigenti democratici pianigiani ed il professore prestato alla politica ha parlato molto del porto gioiese e delle possibilità di sviluppo.
«Quando guardo le statistiche relative al Pil calabrese e vedo la curva in discesa ha spiegato Arlacchi non posso che provare un moto di rabbia. Dall'Ue arrivano centinaia di milioni di euro e non si riesce a spenderli, per gravi incapacità di questo governo regionale che non impiega neppure il 2o% del plafond».
Su Gioia Tauro l'europarlamentare ha parlato chiaramente di «risorsa italiana e per tutto il Mediterraneo.

Dobbiamo fare in fretta, sviluppare il retro porto, rilanciare l'infrastruttura e, soprattutto, puntare forte sul turismo, ma per fare questo c'è forte necessità che i comuni iniziano a presentarsi con maggiore autorevolezza di fronte alle istituzioni europee
con progetti validi. L'Europa non è un bancomat, ci vuole programmazione. Io sono a vostra disposizione».
Insieme ad Arlacchi, nella suggestiva terrazza bagnarese, c'erano il consigliere regionale Nino De Gaetano e anche Elisabetta Tripodi, sindaco di Rosarno, che ha lanciato l'allarme Pisu. «Insieme ai comuni di Gioia e San Ferdinando, siamo destinatari di un finanziamento di 42 milioni, tale da ridisegnare in maniera decisiva lo sviluppo delle nostre comunità.
Ma la regione Calabria non ci ha aiutato affatto, anzi il fatto che ci sia stato un taglio lineare su tutti i progetti, con un dirottamento di risorse verso i Pisl è qualcosa che ci ha creato molta apprensione». E la Tripodi, quindi, ha rilanciato un'idea che lo stesso Arlacchi sta caldeggiando: «siano i comuni a gestire le risorse europee, bypassando la regione».
Tempi duri, quindi, se la Calabria continuerà a non spendere le risorse comunitarie e a mancare in fase di progettazione. «Siamo messi davvero male ha proseguito Arlacchi anche per quel che concerne le risorse culturali, e penso al progetto Magna Graecia, rimasto senza la fase attuativa perché la regione, dopo l'iniziale interesse, non si è più fatta sentire».
Un progetto, giova ricordarlo, nel quale figura Gioia Tauro, e che per la Piana avrebbe portato sviluppo in aree magnogreche ancora
sotto utilizzate.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 193 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info