Rosarno: Arlacchi, Politica e 'Ndrangheta disonorano la Calabria

E-mail Stampa PDF

(ANSA) - Catanzaro, 10 gen. 2010 - ''Gli 'uomini del disonore', quelli che si sono distinti a Rosarno nel diffamare ulteriormente la Calabria, non sono solo i delinquenti che hanno sparato sui poveracci che li mantengono lavorando 14 ore al giorno per 25 euro. Sono i capibastone che posseggono gli agrumeti ed i politici locali che li servono". A sostenerlo, in una nota, è Pino Arlacchi, europarlamentare di Italia dei Valori.

"La colpa delle violenze - prosegue Arlacchi - è di chi non ha mosso un dito per alleviare le condizioni bestiali in cui gli immigranti stagionali sono costretti a vivere a Rosarno ed altrove. Nonostante siano la base dell' agricoltura della Piana di Gioia e diano benessere ad una vasta popolazione, questi lavoratori vengono ammassati in edifici fatiscenti e lasciati lì in mezzo al fango, alla povere, ai topi ed agli escrementi. Senza che sindacati, uffici del lavoro, partiti politici ed amministrazioni locali se ne curino minimamente.

"Solo qualche associazione umanitaria e qualche prete si preoccupa di questi esseri umani. Quando basterebbero poche centinaia di migliaia di euro - una frazione trascurabile dei soldi che vengono estorti agli stessi lavoratori o rubati alla Unione Europea dalla politica corrotta e associata alla 'ndrangheta - per costruire alloggi e infrastrutture che rispettino la decenza e la dignita' umana. A Rosarno e negli altri carnai calabresi".

"Mi fa rabbia - sostiene ancora Arlacchi - vedere la Calabria disonorata in questo modo. Tra i suoi tanti difetti, la mia regione non ha quello della xenofobia e del razzismo. Al contrario, siamo fieri degli esempi di accoglienza verso gli immigrati curdi e di altre regioni, che si sono insediati in alcuni centri della costa jonica facendoli rinascere in completa armonia con la gente del luogo. La vergogna di Rosarno è il frutto di circostanze estreme di malgoverno, che avrebbero provocato quelle reazioni in qualunque posto si fossero verificate".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 304 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info