Due libri al mese…seguendo le regioni!

E-mail Stampa PDF

www.wakeupnews.eu

Recensione di Marina Cabiati, 22 giu.2011

Proponiamo ai nostri lettori la recensione del libro Gli uomini del disonore a cura del sito Wake Up News.

Per il quarto appuntamento della nostra rubrica “Due libri al mese…seguendo le regioni”, non solo sono state scelte ancora una volta due regioni molto distanti tra di loro – non soltanto geograficamente – come Piemonte e Calabria, ma anche due libri completamente diversi per stile e genere.

Partiamo dal primo, l’opera narrativa di questo mese: La solitudine dei numeri primi, uno dei più grandi successi editoriali degli ultimi anni e vincitore del Premio Strega 2008  [...]

La seconda proposta è quella di Pino Arlacchi e del suo Gli uomini del disonore, uscito una prima volta nel 1992 e ripubblicato nel 2010 con una postfazione dell’autore calabrese.

Ai tempi della prima edizione – siamo in pieno periodo stragista per quel che riguarda la mafia siciliana – il libro ottenne grande riscontro mostrando per la prima volta la mafia dal suo interno, ritratta peraltro non da uno qualsiasi, ma da Antonino Calderone, mafioso di spicco degli affari intorno alla città di Catania e poi pentito eccellente. Dal colloquio tra un criminale e uno dei massimi esperti mondiali del fenomeno mafia e delle strutture atte a contrastarla – avvenuto in un rifugio segreto messo a disposizione dalla polizia – nasce questo racconto non censurato su cosa significhi davvero essere mafiosi.

È un consapevole pugno nello stomaco quello di Pino Arlacchi, che presenta attraverso le parole del pentito lo spaccato di una realtà impietosa e meno “leggendaria” di quanto si tenda a immaginare. Oltre alle gerarchie di clan, alle lotte continue per il potere, alle promesse di lealtà mancate, ai tradimenti per opportunità, c’è anche la vita di meschinità che porta a vivere i latitanti come topi, braccati e in continua fuga. Arrestato e poi collaboratore di giustizia, Calderone restituisce con le sue parole di ex-malavitoso un quadro composito come quello della copertina, che mescola vita quotidiana, affetti e famiglia dell’uomo di (dis)onore alla costante paura che spesso conduce a uccidere per primi per non essere ammazzati.

Artefice della legislazione antimafia degli anni Ottanta e partecipe al progetto della Dia, Arlacchi ripercorre con questo excursus anche la storia della mafia, dai veri pochi eroi italiani – Falcone, Borsellino, La Torre, Dalla Chiesa e le altre vittime di mafia – fino alle confessioni di Buscetta.

L’immagine che ne emerge sta nel suo complesso a ricordare che la mafia non è ancora sconfitta, ma che la speranza esiste se affidata a persone che a questo hanno dedicato la propria vita. Persone appunto come Falcone e Borsellino, come La Torre e Dalla Chiesa. E anche persone come Pino Arlacchi, che continuano a farlo.

Ora non resta che vedere se il caldo sole (si spera!) di luglio porterà abbinamenti ancora più insoliti. Alla prossima!

 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 1131 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info