Le verità nascoste

E-mail Stampa PDF

Un libro da non perdere che prende di petto i grandi problemi del nostro tempo

Il Mattino
13-03-2009
di Mauro Calise

Sono sempre più rari i libri capaci di prendere di petto i grandi temi del nostro tempo e capovolgerne il senso comune. Ancor più rari se, invece di ricorrere alla formula agile e facile del pamphlet, lo fanno col corredo rigoroso di un solido impianto scientifico. E riuscendo tuttavia a preservare uno stile divulgativo alla portata del lettore comune. Per queste, e molte altre ragioni, l’ultima opera di Pino Arlacchi (L’inganno e la paura. Il mito del caos globale, Il Saggiatore, pagg. 378, euro 17) è un libro assolutamente da non perdere.

Arlacchi è tra i più autorevoli e innovativi sociologi italiani, autore, trent’anni fa, di un testo sulla mafia come attore imprenditoriale che mutò radicalmente l’approccio, sia culturale che militare, al fenomeno.

Oggi propone un’ambiziosissima lettura della crisi internazionale come frutto, prevalentemente, del ritorno a una logica di guerra, foraggiata dal complesso militare-industriale americano e amplificata da un sistema mediatico che, piuttosto che scandagliare e denunciare fatti e numeri, preferisce accodarsi alle dinamiche di allarme sociale che hanno funestato l’ultimo decennio. La tesi non è nuova, ed è echeggiata, in modo per lo più sommario, in vari circoli radicali e, per lo più, antiamericani. Nell’analisi di Arlacchi, invece, non c’è alcun bias ideologico ma solo la lucida e accurata ricostruzione dei principali protagonisti su uno scacchiere estremamente complesso. Aggiungendo, alla mole di statistiche puntuali e rivelatrici, una prospettiva storica estremamente illuminante.

Come nei capitoli che esaminano il ritorno della Cina, e dell’Asia più in generale, al centro della scena mondiale, dopo una breve parentesi di minorità e soggezione all’Occidente. In realtà, l’impero celeste paga, negli ultimi centocinquant’anni, il prezzo di una stagione lunghissima di pace - interna e internazionale - durata la bellezza di sei secoli. Secoli in cui il vantaggio tecnologico dell'invenzione della polvere da sparo viene ceduto a cuor leggero agli europei, coi risultati che gli invasori occidentali avrebbero presto incassato. Il ritorno dei paesi asiatici, e il nuovo ruolo che per essi si prospetta, è uno dei fili conduttori del libro. Accanto a una spietata denuncia del grande inganno mediatico imbastito, complici la Casa Bianca e il Pentagono, sulla reale entità, diffusione e ubicazione del terrorismo. A partire dal clamoroso paradosso, per cui «nonostante non vi fossero dubbi sulle responsabilità di Bin Laden e del suo gruppo, al Quaeda (…) la forza d'urto del contrattacco americano si è scagliata contro obiettivi solo contigui al terrorismo fondamentalista (i talebani dell’Afghanistan) o addirittura privi di legami con esso, come l'Iraq di Saddam Hussein». Scavando sotto le macerie - belliche e finanziarie - di queste manipolazioni, e questi errori, si scoprono le linee portanti di un nuovo ordine mondiale che non vedrà più gli Usa come forza egemone e dominatrice.

La prospettiva di un’alleanza euroasiatica è la nuova scommessa geopolitica su cui molti stanno puntando, e tenacemente lavorando. Anche grazie alla disattenzione dei media che continuano ad aspettarsi da Obama la panacea di tutti i nostri mali.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 Mag 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 Mag 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 Mag 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 Mag 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 Mag 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 Mag 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 Mag 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 Mag 2020

Newsletter


Chi è Online

 1213 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info