Arlacchi furioso col Pd: "Mi hanno ignorato"

E-mail Stampa PDF

Il Quotidiano della Calabria, 31 mag. 2014

di Giulia Veltri

AMAREGGIATO e senza parole. Pino Arlacchi - fra gli ideatori della Dia, già vicesegretario generale dell’Onu ed eurodeputato uscente - ha sfiorato la rielezione a Bruxelles. Se non ce l’ha fatta, per Arlacchi c’è un solo colpevole: il Pd calabrese.
E' primo dei non eletti della circoscrizione Sud: ci sono possibilità di un suo ritorno a Bruxelles? «Qualche possibilità c'è ma non nell'immediato. Vedremo, è difficile fare previsioni in questo momento. Sono molto soddisfatto del risultato perché si tratta di voti di opinione, espresse da persone che credono nella buona politica e nella legalità e nei valori che io rappresento. Ho fatto una campagna elettorale entusiasmante. Le mie manifestazioni sono state sempre affollate, con oltre 400/500 persone, in tutto il collegio. Anche nel sud esiste una società civile vibrante che ha voglia di cambiamento. Ho raccolto quello che ho seminato e di questo sono contento».
Che campagna elettorale è stata in Calabria e quale, soprattutto, l'apporto che ha ricevuto dal Pd calabrese?
«Il partito mi ha ignorato, non ho avuto alcun tipo di sostegno da parte del Pd calabrese, con il risultato oggi di non avere nessun rappresentante in Europa, anche perché si sapeva perfettamente che Pirillo e Maiolo non ce l'avrebbero mai fatta ad entrare nel Parlamento europeo. Nonostante ciò, il comportamento di gran parte del partito è stato di chiaro ostacolo alla mia candidatura. Hanno appoggiato i candidati più stravaganti piuttosto che me e questa linea mi è costata almeno 3mila voti in meno. Bisognerebbe rivolgersi ai dirigenti calabresi e chiedere il motivo di questa scelta».

Secondo lei come mai il Pd non l'ha sostenuta? «Non so darmi una risposta. Dovrebbero rispondere i dirigenti. Io – oltre a un sostegno bispartisan da parte della società civile - ho avuto solo l'aiuto di qualche consigliere regionale, come Bruno Censore, Mario Franchino e Nino De Gaetano, che si sono spesi senza risparmio. O ancora l'ex sindaco Spezzano albanese, Antonio Pucci. Si tratta, ripeto, di voti raccolti fuori dalle correnti del partito. Credo che il Pd calabrese abbia compiuto un atto di autolesionismo puro, perché si sarebbero potuti distribuire i voti su tre candidati e garantire così alla Calabria un punto di riferimento dentro al Parlamento europeo.
Che cosa vuol dire, in termini pratici, non avere più un parlamentare espressione del territorio? Cosa perde la Calabria senza un riferimento a Bruxelles? Ce lo spiega, lei che è stato in questi anni fra i deputati più attivi del gruppo Pd e dell'intera delegazione socialista?
«Sicuramente perde chance. La mancanza di un europarlamentare rende la Calabria ancora più marginale. Alla luce delle mie esperienze, sarei potuto andare a presiedere la commissione più importante che è quella esteri e concorrere per diventare presidente del Consiglio o del gruppo socialista, perché parlo francese e inglese al contrario di altri deputati risultati eletti».
Qual è il bilancio del suo impegno a Bruxelles dal 2009 a oggi?
«Ho dedicato gran parte del mio impegno alla Calabria, su due direttrici: il porto di Gioia Tauro e la valorizzazione dei beni culturali e archeologici. Per Gioia Tauro ho creato un tavolo di lavoro a Bruxelles che si è poi tramutato in cabina di regia sullo sviluppo dell'area portuale e con altri dieci parlamentari ho lavorato per la creazione della Zes (zona economica spe-
ciale) e l’istituzione degli Stati generali del porto con due edizioni annuali. Ho elaborato il progetto Magna Graecia, orfano purtroppo del sostegno della Regione, per la valorizzazione dei beni archeologici e culturali».
Si avvicina in Calabria un altro appuntamento elettorale importante: le regionali. Secondo lei come dovrebbe comportarsi il Pd: primarie sì, primarie no.
«Il Pd calabrese soffre la crisi di un gruppo dirigente che è privo di qualunque legittimazione, se non ci fosse stato l'effetto Renzi sarebbe stata una deblace. Sono riusciti nel capolavoro di non mandarmi in Europa facendo del male alla Calabria. Vedrei con favore una candidatura nuova, fuori dagli schieramenti, che non sia il prodotto della solita contrattazione fra quattro capicorrente».
E se lo proponessero a lei: accetterebbe una candidatura a presidente della Regione?
«Me lo hanno proposto in tanti, qualcuno si è anche fissato ma non intendo entrare in campo».
Parliamo della spesa dei fondi strutturali. Che cosa fare per migliorare la quantità e la qualità della spesa sui territori?
«La priorità è sottrarre la spesa alle Regioni per darla direttamente a Comuni, consorzi di Comuni oppure vanno amministrati da un'autorità centrale. La Calabria, con l'85% di fondi non spesi, ci dice dove non dobbiamo andare, quali
errori non ripetere più».
Tra i fondatori della Dia, esperto internazionale di lotta alla criminalità organizzata. Qual è la qualità dell'antimafia in Calabria?
«Non c'è bisogno né di settimane bianche, né di navi della legalità. Questa è l'antimafia da parata, che è però priva di credibilità. L'antimafia è lotta alle illegalità e alla corruzione politica. Alla testa della criminalità organizzata ci sono
non più i boss ma i politici. Il capo supremo è un capo politico che drena le risorse pubbliche, favorisce i gruppi criminali ed è attore economico. E' stata indebolita l'ala militare ma si è data una possibilità ai colletti bianchi».
Come si strutturerà ora il suo impegno pubblico, cosa farà per i 25mila calabresi che l'hanno votata?
«Non mi ritiro dalla vita pubblica e continuerò le mie battaglie. Il sostegno di 25mila calabresi non svanisce, perché si tratta di preziosi voti d'opinione, sganciati dalle logiche correntizie e che nulla hanno a che fare con i voti clientelari e di
cordata. Quel che è certo è che li farò valere in tutte le prossime scadenza, interne ed esterne al Pd»
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 506 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info