Fight against Afghan drugs needs new strategy-Italian Expert

E-mail Stampa PDF

Rome, June 7 (RIA Novosti) - International strategies to combat drug production in Afghanistan need complete revision, with Russia and the EU playing a decisive role, an Italian member of the European Parliament said.
Pino Arlacchi, a renowned expert on organized crime and drug trafficking, is to attend an international forum on combating Afghan drug trafficking in Moscow on Wednesday and Thursday.

"Serious reforms are needed. I found out that huge sums of money allocated to aid [Afghanistan] are lost somewhere in the process. And this is related not only with the Afghan government. In fact, only 20% of the officially allocated sums reach Afghanistan," he said.
"The entire system should be changed. The United States should stop relying on private hirelings," Arlacchi said. "The issue is about transnational corporations that snatch more than 70% of the U.S. funds [designed to develop drug free Afghanistan]. It leads to increase in costs and weak efficiency, as well as violations in human rights."
The former top UN official on drugs and crime emphasized that Russia and EU countries suffer most from Afghan heroin.
"That's why our countries should work out a plan aimed at halting opium poppy cultivation in Afghanistan, including not only crop eradication, but also creating a special program, giving Afghan people living sources, different from producing narcotics," he said, adding that his thoughts were in line with those of Russian drug control chief Viktor Ivanov.
Russia has serious differences with NATO policy on opium cultivation in Afghanistan, which increased dramatically after the U.S.-led invasion that toppled the Taliban in 2001.
"Russia is not only a vital power in maintaining world stability and international dialogue, but it can play a leading role together with Europe in implementing change in Afghanistan. Speaking about it I mean such a shift that should have been done 10 years ago, specifically, halting drug production in the country," Arlacchi said.
"We already have some positive experience in this sphere. In 2001, after a range of serious political and diplomatic efforts from the UN on implementing my program, the Taliban were forced to halt opium producing in Afghanistan. Unfortunately, then U.S. and NATO troops invaded into the country, and the situation resumed."
"A drug free Afghanistan is not unreal fantasy," the expert concluded.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 300 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info