Arlacchi: "A Bari compresi perché El Baradei è la speranza dell'Egitto"

E-mail Stampa PDF

Corriere del Mezzogiorno, 1 feb. 2011

L'intervista di Felice Blasi

Pino Arlacchi è stato fino al 2009 delegato per i rapporti internazionali della Libera Università del Mediterraneo (LUM) di Casamassima. In questa veste, nel 2006, promosse il conferimento della laurea honoris causa in economia da parte della LUM a Mohamed El Baradei, premio Nobel per la pace nel 2005.
Quando ha parlato con El Baradei l’ultima volta?
«Circa tre mesi fa, ci sentiamo ad intervalli regolari, ed era molto preso dalla situazione in Egitto. Invece di fare il pensionato di lusso tenendo conferenze nel mondo, aveva deciso di tornare come un combattente nel suo paese».

Cosa le disse del contesto politico egiziano?
«Mi disse che Mubarak sembrava molto forte ma che in realtà era debole. Aveva un apparato di sicurezza e una potenza economica molto grandi alle spalle, ma il paese era a pezzi, povero e demoralizzato. Ero stato anch’io in Egitto poco tempo prima e condivisi la sua valutazione. El Baradei aveva individuato molto bene la bolla giovanile, chiamiamola così, di una generazione senza lavoro e prospettive che prima o poi sarebbe scoppiata».
Le sembrò che prevedesse l’esito di questi giorni?
«Mi disse qualcosa di cui i giornali occidentali non parlavano, che cioè in Egitto c’erano già ribellioni e rivolte. Gli obiettai che dall’esterno il paese sembrava calmo, ma mi spiegò che non lo era affatto, perché c’era un disagio che esplodeva in proteste ovunque, nonostante la polizia e gli apparati di sicurezza. La sua valutazione era che si sarebbe arrivati ad una crisi finale ed aveva le basi per affermarlo».
Quindi ciò che sta accadendo è la conclusione di un processo più lungo?
«Ne era certo già allora. Mi confidò che aveva anche dei problemi con l’establishment politico egiziano, perché il governo aveva fiutato il pericolo rappresentato dal suo ruolo, pur non potendo arrestarlo né limitarlo nei movimenti, poiché il premio Nobel aveva dato un prestigio enorme al paese».
Com’è El Baradei sul piano personale?
«È un uomo di grandissima umanità. A Bari, per la cerimonia della laurea, cenammo in un ristorante il cui capocameriere era egiziano. Tra i due ci fu un momento commovente, si presero la mano, e constatai quanto questo cameriere vedesse in lui la possibilità di riscatto del suo paese».
Come sa, molti analisti occidentali vedono invece in El Baradei il pericolo che attorno a lui possano crearsi coalizioni fondamentaliste. Che ne pensa?
«Questa è la grande balla, la grande paura, agitata da tutta la destra internazionale, e da Mubarak in persona. Prima di tutto questi movimenti non hanno questa forza. Il massimo consenso raggiunto dai Fratelli musulmani è stato nel 2005 quando hanno preso il 20% dei voti, solo perché rappresentavano l’unica opposizione. Col ritorno di libere elezioni democratiche i Fratelli musulmani non avranno consensi molto estesi. Inoltre questi movimenti hanno avuto un’evoluzione verso la legalità, dissociandosi dal terrorismo».
Come si spiegano allora gli attentati anticristiani dell’ultimo periodo?
«Sia i Fratelli musulmani, sia il terrorismo fondamentalista islamico, sono il prodotto delle autocrazie arabe. Quando non ci saranno più, questi gruppi scompariranno o dovranno competere con partiti laici e moderati molto più forti di loro. Il 95% della popolazione musulmana è gente che vuole vivere tranquilla, che non ha nessuna simpatia per i fondamentalisti, e che se fosse libera di esprimersi porterebbe a risultati perfettamente compatibili con la democrazia e la non violenza».

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 171 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info