Turchia-Serbia, ex vice segretario Onu Arlacchi: "Ankara e Belgrado al più presto nell’Ue"

E-mail Stampa PDF

Bruxelles, 25 nov - (Agenzia Nova) -

intervista di Mario Capato

Fra pochi anni l’Ue potrebbe pentirsi delle scelte che sta facendo nei confronti della Turchia: è giunto il tempo di rimuovere una volta per tutte gli ostacoli posti alla sua adesione. Lo stesso discorso vale per la Serbia, un paese che avrebbe già dovuto far parte del club europeo da molti anni. E’ quanto sostiene in un’intervista a “Nova” Pino Arlacchi, eurodeputato del Partito democratico italiano, membro della commissione Esteri ed ex vice segretario generale delle Nazioni Unite. Di ritorno da una missione in Turchia, Arlacchi racconta di avere avuto “un’ottima impressione” del paese.

“La Turchia è molto più avanti di quello che immaginiamo e di quanto le istituzioni comunitarie siano disposte ad ammettere. Il paese ha fatto passi da gigante e se l’Europa insiste con un atteggiamento di chiusura si ritroverà tra qualche anno a supplicare la Turchia di entrare nell’Ue”. Ma non persistono problemi che precludono la possibilità di fare passi in avanti nei negoziati di adesione all’Ue?
“Certo c’è la questione dei diritti umani e delle limitazioni alla libertà di espressione, si verificano ancora troppi arresti di giornalisti. Ma è un quadro in continuo movimento. Nella nostra missione le autorità turche non hanno negato l’esistenza di problemi, anzi, li capiscono e sono impegnati nel risolverli”.

Ankara ha poi realizzato una riforma giudiziaria “che ha portato il paese ad avere un sistema quasi identico a quello dell’Italia e della Francia”. Sulla questione cipriota, Arlacchi dice “di essere stato colpito dalla flessibilità del governo turco e dalla volontà di arrivare a un compromesso onorevole”. Il parlamentare italiano ha poi sottolineato come ben presto i rapporti di forza cambieranno: “I turchi si preoccupano sempre meno dell’opinione dell’Ue, sanno che in pochi anni raggiungeranno i livelli di prodotto interno lordo dei paesi europei più grandi. Se non elimineremo le barriere che abbiamo messo al loro ingresso nell’Unione, ritroveremo Ankara sempre più proiettata verso Est piuttosto che verso Ovest”.

Ma la forte resistenza di alcuni governi europei, a partire da quelli di Parigi e Berlino, sembra sbarrare la strada a ogni progresso. Vede possibili cambiamenti nel breve termine? “In Germania e in Francia avremo presto delle elezioni. In caso di vittoria socialista sarà possibile riaprire il dossier, perché molte barriere verranno meno. Dobbiamo liberarci da ogni pregiudizio sulla Turchia”. Nel caso in cui
Bruxelles continui a tenere distante Ankara, non potrà che aumentare la sfiducia dei turchi nell’Ue e “c’è il rischio che il paese subisca i contraccolpi dei movimenti più nazionalisti”.

Ma le resistenze nei confronti del processo di allargamento non sono limitate alla Turchia. La Serbia sembra essere vicina ad ottenere lo status di paese candidato all’Ue, ma alcuni paesi membri mantengono delle riserve. “Quello che abbiamo fatto alla Serbia è vergognoso, sarebbe dovuta entrare nell’Unione insieme alla Slovenia. Sono i due stati più avanzati dei Balcani occidentali – afferma Arlacchi –. Le
perplessità di alcune capitali non hanno ragion d’essere. Sul Kosovo, Belgrado sta dimostrando moderazione e sta avendo un atteggiamento negoziale”.

L’eurodeputato ricorda che alla Serbia “è stato tolto un pezzo di territorio, azione che contraddice i principi delle moderne relazioni internazionali. E’ stata una violazione fatta dall’Europa, non c’era alcun bisogno di sostenere l’indipendenza del Kosovo, si poteva trovare una soluzione diversa. Ad esempio con un’autonomia pressoché totale, ma dentro i confini della Serbia. Adesso la soluzione finale
sarà probabilmente la partizione, ma sarà un altro pasticcio, oltre a quello che già è stato fatto”.

Secondo Arlacchi, dunque, “le opposizioni all’adesione della Serbia nell’Ue non hanno una vera motivazione e verranno meno con il prossimo cambiamento politico nei paesi più ostili”. Lo stesso discorso vale per il resto della regione balcanica. “Il progetto europeo senza allargamento non ha senso – conclude l’eurodeputato –. Certo l’adesione di nuovi paesi porta dei problemi, ma è meglio avere i problemi di un’Unione che cresce e si allarga piuttosto di una fortezza che si chiude”.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 247 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info