L'europarlamentare Arlacchi: «D'Attorre fa il gioco di Renzi, nel partito disagio serio»

E-mail Stampa PDF

Come i lettori possono constatare, il resoconto della riunione del Pd regionale che si è svolta il 15 ottobre a Lamezia Terme, conferma in  pieno la mia presa di posizione espressa nell'intervista al Quotidiano della Calabria

L'intervista, di Massimo Clausi, 16 ott.2012

«Quanto accaduto a Vibo Valentia è un segnale molto serio dello stato in cui si trova il Pd»

Pino arlacchi, europarlamentare e responsabile del dipartimento politiche internazionali del Pd è uno che non usa il politichese e le cose non le manda certo a dire. È amareggiato per come vanno le cose nel partito che descrive in uno stato di "disagio molto serio" e per lui questa situazione ha un nome e cognome ben preciso: Alfredo D'Attorre, il commissario mandato da Roma.

«Lo stato di disagio che vive la base del partito è molto grande, aggravato dalla scelta irresponsabile del commissario di non aver fatto celebrare i congressi. Bene hanno fatto quelli di Vibo Valentia ad auto-convocarsi, piuttosto mi meraviglio che altri non abbiano fatto lo stesso».

Ma perché non si sono celebrati i congressi?

«Lo chieda a D'Attorre perché io non l'ho capito. Le motivazioni adottate sono risibili "perché ci sono troppi candidati?" Che dovevamo fare un congresso sovietico? ».

Però è vero che quello calabrese è un partito estremamente sfilacciato...

«Se non ci sono occasioni di discussione pubbliche e aperte, non vedo come si possa riuscire a trovare una sintesi. La verità è che D'Attorre ha ben altri obiettivi. Ma io credo abbia fatto i conti senza l'oste: se la legge elettorale dovesse sancire un ritorno alle preferenze i suoi piani andranno in fumo. E con un listino accanto alle preferenze credo che ci sarà la richiesta di primarie».

Perché ce l'ha tanto con il commissario?

«Primo: per come interpreta il ruolo. Lui è stato mandato qui da Roma per far celebrare i congressi nel rispetto delle regole dello statuto. Invece i congressi sono stati rinviati e D'Attorre agisce come se fosse segretario regionale del partito. Interviene sulla linea politica, organizza riunioni alle quali convoca due giorni prima chi dice lui. Io, ad esempio, non ho mai avuto il piacere di essere stato chiamato ad uno di questi incontri. Il secondo motivo è tutto politico.Io sono bersaniano della prima ora e credo che D'Attorre stia facendo il gioco di Renzi. Rinviare i congressi significa alimentare il malcontento e il disagio, due fattori che Renzi sta cavalcando molto bene».

Eppure è stato Bersani a mandarlo qui in Calabria? Il segretario nazionale che dice?

«Lui di queste cose si disinteressa, ha affidato tutto nelle mani dell'apparato del partito che ci ha inviato D'Attorre. È purtroppo una costante del partito nazionale, quando si parla di Calabria, tutti si votano dall'altra parte».

Eppure tempo fa a Lamezia si sono tenuti gli stati generali del partito sul Meridione.

«Lì credo si sia raggiunta l'apoteosi. In primis perché non ha parlato nessun rappresentante locale del partito e poi perché chi ha parlato ha affrontato la questione meridionale con una retorica vecchia di 50 anni. A tacere del fatto che i riferimenti alla Calabria sono stati pochissimi e male argomentati».

Perché male argomentati?

«Io credo che per produrre sviluppo in Calabria bisogna agire su tre leve. La prima è il porto di Gioia Tauro, infrastruttura importante che esiste già. La seconda è l'Università della Calabria, la terza la valorizzazione dell'immenso patrimonio storico-artistico di questa regione che valica i confini della Calabria stessa. Se nonragioniamo su come sviluppare questi tre fattori stiamo discutendo di aria fritta».

Ma lei perché se ne esce ora con queste rivendicazioni?

«Sono europarlamentare, non ho alcuni interesse diretto a candidature. Però le elezioni si avvicinano e dobbiamo fare in fretta a strutturare il partito, alla luce del tramonto di un modello che fino a qualche mese fa sembrava politicamente invincibile».

 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 523 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info