L'europarlamentare Arlacchi: «D'Attorre fa il gioco di Renzi, nel partito disagio serio»

E-mail Stampa PDF

Come i lettori possono constatare, il resoconto della riunione del Pd regionale che si è svolta il 15 ottobre a Lamezia Terme, conferma in  pieno la mia presa di posizione espressa nell'intervista al Quotidiano della Calabria

L'intervista, di Massimo Clausi, 16 ott.2012

«Quanto accaduto a Vibo Valentia è un segnale molto serio dello stato in cui si trova il Pd»

Pino arlacchi, europarlamentare e responsabile del dipartimento politiche internazionali del Pd è uno che non usa il politichese e le cose non le manda certo a dire. È amareggiato per come vanno le cose nel partito che descrive in uno stato di "disagio molto serio" e per lui questa situazione ha un nome e cognome ben preciso: Alfredo D'Attorre, il commissario mandato da Roma.

«Lo stato di disagio che vive la base del partito è molto grande, aggravato dalla scelta irresponsabile del commissario di non aver fatto celebrare i congressi. Bene hanno fatto quelli di Vibo Valentia ad auto-convocarsi, piuttosto mi meraviglio che altri non abbiano fatto lo stesso».

Ma perché non si sono celebrati i congressi?

«Lo chieda a D'Attorre perché io non l'ho capito. Le motivazioni adottate sono risibili "perché ci sono troppi candidati?" Che dovevamo fare un congresso sovietico? ».

Però è vero che quello calabrese è un partito estremamente sfilacciato...

«Se non ci sono occasioni di discussione pubbliche e aperte, non vedo come si possa riuscire a trovare una sintesi. La verità è che D'Attorre ha ben altri obiettivi. Ma io credo abbia fatto i conti senza l'oste: se la legge elettorale dovesse sancire un ritorno alle preferenze i suoi piani andranno in fumo. E con un listino accanto alle preferenze credo che ci sarà la richiesta di primarie».

Perché ce l'ha tanto con il commissario?

«Primo: per come interpreta il ruolo. Lui è stato mandato qui da Roma per far celebrare i congressi nel rispetto delle regole dello statuto. Invece i congressi sono stati rinviati e D'Attorre agisce come se fosse segretario regionale del partito. Interviene sulla linea politica, organizza riunioni alle quali convoca due giorni prima chi dice lui. Io, ad esempio, non ho mai avuto il piacere di essere stato chiamato ad uno di questi incontri. Il secondo motivo è tutto politico.Io sono bersaniano della prima ora e credo che D'Attorre stia facendo il gioco di Renzi. Rinviare i congressi significa alimentare il malcontento e il disagio, due fattori che Renzi sta cavalcando molto bene».

Eppure è stato Bersani a mandarlo qui in Calabria? Il segretario nazionale che dice?

«Lui di queste cose si disinteressa, ha affidato tutto nelle mani dell'apparato del partito che ci ha inviato D'Attorre. È purtroppo una costante del partito nazionale, quando si parla di Calabria, tutti si votano dall'altra parte».

Eppure tempo fa a Lamezia si sono tenuti gli stati generali del partito sul Meridione.

«Lì credo si sia raggiunta l'apoteosi. In primis perché non ha parlato nessun rappresentante locale del partito e poi perché chi ha parlato ha affrontato la questione meridionale con una retorica vecchia di 50 anni. A tacere del fatto che i riferimenti alla Calabria sono stati pochissimi e male argomentati».

Perché male argomentati?

«Io credo che per produrre sviluppo in Calabria bisogna agire su tre leve. La prima è il porto di Gioia Tauro, infrastruttura importante che esiste già. La seconda è l'Università della Calabria, la terza la valorizzazione dell'immenso patrimonio storico-artistico di questa regione che valica i confini della Calabria stessa. Se nonragioniamo su come sviluppare questi tre fattori stiamo discutendo di aria fritta».

Ma lei perché se ne esce ora con queste rivendicazioni?

«Sono europarlamentare, non ho alcuni interesse diretto a candidature. Però le elezioni si avvicinano e dobbiamo fare in fretta a strutturare il partito, alla luce del tramonto di un modello che fino a qualche mese fa sembrava politicamente invincibile».

 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 250 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info