Arlacchi (IDV) attacca mafia e TV

E-mail Stampa PDF

Progetto comunicativo e politico per nascondere i veri problemi.

Calabria Ora, 20 mag. 2009
di Antonella Scabellone

Non capita tutti giorni che un personaggio come Pino Arlacchi, una vita spesa a studiare e combattere il fenomeno mafioso, tra le massime autorità mondiali in tema di sicurezza umana, transiti nella Locride. Non poteva non nascerne un’incontro, seppur veloce, con il sociologo originario di Gioia Tauro, per cinque anni vice-segretario generale dell’Onu che, nel corso della sua lunga giornata in giro per la provincia reggina a promuovere la propria candidatura alle prossime europee con l’Italia dei Valori, ha fatto tappa anche a Siderno.

Arlacchi ci spiega che la sua adesione all’Italia dei Valori risale al 2004 allorquando si candidò alle europee con la lista Di Pietro-Occhetto dopo aver lasciato il Partito democratico (allora PDS) nel quale ha rivestito incarichi importanti ma con la cui linea politica a un certo punto non si è più riconosciuto “in quanto partito che non fa più opposizione e che parla di legalità e lotta alla criminalità solo a parole”. Studioso e profondo conoscitore del fenomeno mafioso, a cui ha dedicato parecchi anni della sua vita e alcuni libri, grande amico dei giudici Falcone e Borsellino, già vice presidente della Commissione parlamentare antimafia, ritiene la sua collocazione nell’Italia dei valori “la continuazione di un impegno di vita” . A tal proposito ci tiene a sottolineare che il partito di Di Pietro di cui lui è candidato nella circoscrizione meridionale non presenterà alle prossime elezioni inquisiti e politici di lungo corso, ma facce nuove,e, in particolare, persone che quotidianamente e concretamente si impegnano contro la mafia, “perché di questa gente la Calabria, che attualmente è un disastro in tutti i settori, ha bisogno”. Una delle piaghe sociali per Arlacchi è sicuramente la criminalità organizzata. Ma la mafia, dopo la relazione Forgione, sembra aver cambiato strategia. “E’ diventata meno violenta è più visibile perché ha capito che la lotta allo stato l’ha persa e che la strategia del terrorismo non funziona. E’ diventata una mafia più sofisticata, più ramificata, trasversale. I mafiosi si mascherano meglio di un tempo usando a volte il linguaggio e la retorica dell’antimafia”. C’è molto da fare, dunque, secondo Arlacchi, per fare riacquistare credibilità all’Italia a livello europeo, anche perchè il nostro paese si starebbe allontanando sempre di più dagli standard di legalità internazionali. “Basti vedere la negazione del diritto asilo agli immigrati- specifica-. Non ho mai visto- in 5 anni ai vertici dell’Onu un paese che si rifiuta rispettare trattati internazionali da lui stesso firmati”. Nel suo programma elettorale il dipietrista distingue le priorità per cui si batterà qualora venisse eletto. Tra queste si colloca innanzitutto l’approfondimento del discorso pace, che deve passare attraverso la riduzione delle spese militari e l’abolizione delle armi nucleari sostenendo la politica di Obama. Infine, una critica al sistema italiano della cattiva informazione approfondito nel suo ultimo libro “l’inganno e la paura”. “Delitti assolutamente banali, come Garlasco, Cogne, ricevono pagine e pagine di giornali ore e ore di trasmissioni - stigmatizza Arlacchi- e omicidi come quello Fortugno giusto il tempo di una fugace agenzia. C’è un progetto comunicativo e politico preciso di non parlare dei problemi reali”.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 456 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info