Pino Arlacchi spegne la paura - "Ma Bari non è al centro delle rotte del terrore islamico"

E-mail Stampa PDF

Intervista all'esperto di crimine internazionale.

Gazzetta del Mezzogiorno, 13 mag. 2009
di Gianluigi De Vito

"In un'economia globalizzata, in ogni porto dove si registrano scambi marittimi in crescita esistono rischi di traffici illegali e di transiti illeciti. Mi meraviglierei se Bari e il suo porto non corressero questi rischi, ma il rischio è in una percentuale nella media rispetto agli altri porti. Non vedo problemi particolari".

 

Il paradigma di Pino Arlacchi è chiaro. Non sono gli arresti di due stranieri che devono far lievitare la paura. Sarebbe un inganno. Ne ha parlato a lungo nell'ultimo suo libro (appunto L'inganno e la paura. Il mito del caos globale) il sociologo di origine calabrese che ha scalato i vertici dell'Onu (dal 1997 al 2002 è stato vicesegretario generale delle Nazioni Unite e direttore esecutivo del Programma per il controllo delle droghe).

 

E' una autorità in tema di sicurezza umana, non solo perchè tra il 2006 e il 2008 era uno dei tre esperti chiamati dalla Repubblica popolare cinese a pianificare la sicurezza dei Giochi Olimpici del 2008, ma anche perchè nel 2004, su incarico della Commissione europea, Arlacchi ha redatto il progetto della agenzia antiriciclaggio del Kosovo. E nel 2001, a Palazzo di Vetro, fu uno dei registi del contrasto della produzione di oppio ed eroina in Afghanistan, il paese che fornisce quasi tutta la droga consumata in Europa. La chiacchierata con Arlacchi, 58 anni, parlamentare per due legislature ed ex vicepresidente della Commissione bicamerale antimafia, muove dalla cronaca. E cioè dal fatto che ieri è stato notificato un ordine di carcerazione per terrorismo internazionale a un franco-siriano di religione islamica e a un francese convertito all'islam: sono in carcere a Bari da novembre scorso, quando, dopo essere stati sorpresi su un camper, furono arrestati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. C'è il sospetto, secondo i magistrati, che assieme ad altri undici stranieri abbiano costituito una cellula di Al Qaida in Europa. E Bari potrebbe risultare uno scalo amico per i Signori del terrore. Professore, il capoluogo pugliese è attraversato dalla presenza terroristica. Guai a sottovalutare, no? "Ma non credo, dalle notizie sommarie, che due favoreggiatori di clandestini possano essere terroristi. Un terrorista fa il terrorista, non fa altri traffici". Però i porti sono i luoghi dove si svelano "gomorre" e giri colossali delle holding del crimine. "I porti sono luoghi di transito e quello di Bari lo è da sette, otto secoli. Ma i media ci hanno abituato a notizie da profeti di sventura a basso prezzo che scatenano la paura con connessioni e collegamenti iperbolici. Il terrorismo islamico e di altra matrice hanno dimostrato di avvalersi di fonti prevalentemente diverse da quelle che gestiscono il traffico di vite. I network del traffico di vite possono servire per contrabbandare armi e droga,ma questo accade ovunque e da sempre. Un terrorista non va a rischiare il carcere viaggiando in un camper e favorendo ingressi clandestini". D'accordo,evitiamo la fobia dell'Islam... "...anche perchè notizie del genere hanno prodotto solo l'inflazione della paura". Ma vorremmo capire se Bari è una piattaforma girevole non solo per le economie legali che si sviluppano al di là dei Balcani. "Non abbiamo esempi di basi di grandi traffici. Bari e la Puglia non sono il centro nè della rotta del riciclaggio che ha il suo centro, non a caso, nel Kosovo,né è interessata più di tanto dalla lotta greca dell'eroina dell'Afghanistan". C'è chi guarda con sospetto alla forte crescita dell'islam anche in Puglia.Più moschee uguale più paure,purtroppo. "Più moschee uguale più preoccupazioni solo per i "concorrenti" cattolici o di altre fedi. Non vale altro".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 161 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info