Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Chavez e la primavera latino - americana

E-mail Stampa PDF

Hanno votato per le lui le classi più povere

l'Unità, 9 ott. 2012

di Pino Arlacchi

La nuova vittoria di Chavez può sorprendere solo chi ignora i dati di fondo della situazione del Venezuela, e chi è vittima del diluvio di disinformazione che ha creato la falsa immagine del caudillo autoritario dedito allo sperpero delle risorse pubbliche, dentro un paese allo sbando, sempre sull'orlo del collasso politico ed economico.

Era semplicemente logico, invece, che Chavez vincesse. E vincesse anche contro un avversario non di destra, che prometteva di continuare e non di smantellare le politiche chaviste.

Si dà il caso, infatti, che anche i poveri votino, e che siano tanti. E che quando vanno a votare convinti in libere elezioni, formino un blocco difficile da smontare.

Il timbro di Carter

Gli ex poveri,  poi, possono rivelarsi ancora più ostinati. E si dà anche il caso che in Venezuela gli ex poveri siano tra i 6 e gli 8 milioni (tra il 21 e il 28% della popolazione). Si dà il caso, poi, che in Venezuela ci siano elezioni libere, anzi, liberissime, se dobbiamo credere a un comunista del calibro di Jimmy Carter, che ha dichiarato poche settimane fa che «tra le 92 elezioni che abbiamo monitorato, posso affermare che il processo elettorale del Venezuela è il migliore del mondo».

 Carter ha vinto un premio Nobel per il monitoraggio delle elezioni effettuato dal suo centro. Ma siccome Chavez è la bestia nera del Dipartimento di Stato, che da dieci anni tenta di delegittimarlo in tutti i modi (incluso tentativi di colpi di stato), questo punto di vista viene accuratamente ignorato dai media statunitensi ed europei.

Per chi avrebbero dovuto votare i venezuelani se non per un Presidente che ha dimezzato in 10 anni il tasso di povertà portandolo al 27%, e ridotto la povertà assoluta del 70 per cento?

I media internazionali non citano queste cifre - peraltro di fonte CIA e Banca Mondiale. Preferiscono occuparsi della salute di un dittatore che si ostina a non crepare, e di qualche sua stravaganza latina.

Ma la maggioranza dei cittadini venezuelani conoscono un'altra verità.

Hugo Chavez è stato il primo Presidente del Venezuela che invece di mettere nelle tasche proprie e degli amici degli amici i proventi della bonanza petrolifera e di imboscarli poi nelle banche del Grande Fratello, li ha usati per ridurre la disuguaglianza sociale.

Può averlo fatto male, senza curarsi abbastanza degli investimenti, della sostenibilità dei progetti, della qualità e della neutralità dei canali di distribuzione della ricchezza petrolifera. È vero.

Ma l'impatto delle sue politiche «socialiste» sul tenore di vita e sui diritti effettivi dei cittadini è stato imponente. È stata creata una vera sanità pubblica e gratuita, nonché un vero sistema pensionistico. È stata eliminata la fame, scolarizzata la popolazione (oltre il 90% di alfabetizzati), ridotta drasticamente la mortalità infantile. È stato aperto l'accesso all´università ai figli degli indigenti. Raddoppiati gli studenti universitari. Sono stati creati milioni di alloggi.

In contrasto, i governi oligarchici dei venti anni prima di Chavez hanno fatto del Venezuela uno dei peggiori fallimenti dell'America Latina, con il reddito reale delle persone sceso del 14 per cento.

Tutto ciò è avvenuto in parallelo al rafforzamento delle libertà politiche e civili. Non è  solo raddoppiato il PIL. Nell'epoca Chavez è cresciuta anche la partecipazione popolare. La registrazione dei votanti in Venezuela sfiora il 97%, mentre nel faro della democrazia planetaria, gli USA, 90 milioni elettori non potranno votare a novembre perché nessuno si cura di loro.

La deriva autoritaria di Chavez, secondo l'establishment della politica estera statunitense, si esprime nel suo controllo di un impero medatico. Ma ci si dimentica di informare il pubblico che la televisione statale venezuelana  - dove Chavez effettivamente imperversa - viene vista dal 5-8% dell'audience nazionale. Il rimanente è  nelle mani di emittenti private, come la gran parte della stampa e della radio, ferocemente ostili al Presidente.

Il Venezuela di Chavez è  parte della "primavera latino-americana", che ha prodotto i governi più democratici, progressisti ed indipendenti della storia del continente. Questi governi lavorano assieme, e il Venezuela ha il solido sostegno degli altri paesi. E prima di tutto del Brasile di Lula, cui assomiglia per molti versi. La sinistra europea non può che trarre motivo di conforto e di incoraggiamento da questi risultati. Nel mondo c'è qualcuno che fa cose di sinistra. E vince.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 515 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info