Afghanistan: Pino Arlacchi illustra i risultati della sua missione tra Kabul e Herat

E-mail Stampa PDF

Pino ArlacchiProcesso di pace, eliminazione e riconversione delle colture di oppio, formazione della polizia afgana, aiuti internazionali. Pino Arlacchi, Vice Presidente della Delegazione per le relazioni con l’Afghanistan e incaricato di preparare il rapporto sulla nuova strategia dell'Unione Europea in Afghanistan, nel corso della conferenza stampa di oggi a Strasburgo ha riassunto ai giornalisti il significato della  sua missione dei giorni scorsi a Kabul e Herat e i punti fondamentali della nuova strategia dell’Unione europea in Afghanistan.

 Processo di pace. Il giudizio di Arlacchi è positivo.

“È un processo che ho visto camminare con grande velocità nel Paese – ha detto Arlacchi. Il Presidente Karzai ha cominciato un dialogo a tutto campo con tutte le forze politiche, inclusi i talebani.

La popolazione – ha continuato Arlacchi rispondendo alle domande dei giornalisti – credo si aspetti molto dal processo di pace. Sono tutti stanchi della guerra e dell’occupazione militare. Tutti vorrebbero vedere un paese più sicuro e chi è capace di darglielo credo otterrà il favore della popolazione.

A fine aprile, il 28, si apre questa grande Jirga della pace, l’assemblea convocata da Karzai, con tutti i capi tribali dell’Afghanistan e con i parlamentari. L’obiettivo è quello di stabilire i caratteri di questo processo di pace, il carattere del negoziato con i talebani, la grande questione dei rapporti col Pakistan. E’ un momento molto importante per il Paese”.

 Polizia afgana
“Va assolutamente data priorità alla forza di sicurezza afgana con  la costruzione di una forza di polizia afgana capace di provvedere alla sicurezza del Paese senza il bisogno delle truppe internazionali.  È il punto cruciale insieme al processo di pace - spiega Arlacchi - per cominciare a pensare a un ritiro sempre più massiccio delle truppe europee e americane dal Paese.

Entro due anni, con un grande sforzo, si potrebbe formare una forza di polizia di oltre 100mila uomini che insieme all’esercito afgano - che ha raggiunto già un certo livello di preparazione -  possa  rappresentare la fonte principale di sicurezza del paese”.

 Coltivazioni di oppio.
“Ho incontrato il presidente Hamid Karzai e i principali ministri del Governo di Kabul, ma anche il capo dell'opposizione Burhanuddin Rabbani e gli altri leader politici. Pino Arlacchi e Burhanuddin Rabbani

Sulle coltivazioni di oppio - ha spiegato Arlacchi - abbiamo iniziato una strategia comune tra Unione europea, Afghanistan e Russia.
Su questo costruiremo un evento al Parlamento europeo, il 14 aprile a Bruxelles. La strategia definisce un piano di eliminazione delle colture su cui c’è pieno sostegno del governo afgano".

Aiuti internazionali. È il maggior “punto dolente” da affrontare in questo periodo.

“Durante questa missione – ha detto Arlacchi – mi sono accorto che ci troviamo di fronte a un grande spreco e a un notevole grado di corruzione, non tanto e non solo nella parte afgana (cosa nota a tutti e che per me non è stata una sorpresa), ma anche nella parte gestita dalle organizzazioni internazionali. C’è un livello di corruzione semplicemente intollerabile.

Un dato su tutti: negli ultimi 8 anni sono arrivati in Afghanistan 40 miliardi di aiuti internazionali di tipo civile. Di questi, 34 miliardi sono passati dalle Organizzazioni internazionali di vario genere, e soltanto 6 miliardi attraverso il governo afgano”.

La valutazione più diffusa nel paese è che una percentuale compresa tra il 70 e l’80 per cento di queste somme non ha mai raggiunto la popolazione afgana, ma è tornata indietro ai paesi che avevano offerto queste somme, o – peggio ancora – si è persa in rivoli di corruzione e sprechi di varia natura.
A Herat, dove c’è la missione di pace italiana, si consegnano ogni anno circa 5 milioni di euro di aiuti. Sono risorse amministrate molto bene.

Basti pensare che una scuola costruita dalle forze Isaf italiane e dalla nostra cooperazione costa tra 80mila e 100 mila euro. La stessa scuola, se costruita da qualcuna delle tante organizzazioni internazionali (comprese la US Aid o altre organizzazioni dipendenti dall’ONU) costa una somma che varia tra tre e dieci volte di più.

In questo campo la cooperazione italiana, insieme alla forza di pace, è un modello positivo di aiuto internazionale".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 301 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info