L’Europa indaga sugli aiuti a Kabul

E-mail Stampa PDF

Nel mirino gli interventi Usa e Onu
CorrierEconomia, "Offshore", 15 mar. 2010
di Ivo Caizzi

La corruzione dilagante tra le autorità dell’Afghanistan, che da sempre impedisce un uso efficace degli aiuti internazionali, è considerata un ostacolo fondamentale nel tentativo di stabilizzazione del Paese.
Ma un’indagine dell’Europarlamento ora denuncia a sorpresa che le illegalità e gli sprechi coinvolgerebbero anche agenzie e società straniere, principalmente statunitensi o riferibili all’Organizzazione delle Nazioni Unite (Onu).

Decine di miliardi di dollari, inviati per togliere dall’indigenza ampi strati delle popolazioni afghane (e per ridurre la loro sudditanza dai talebani, dai signori della guerra e dai trafficanti di oppio), tornerebbero negli Stati occidentali di provenienza attraverso le tasche degli stranieri delegati a gestirle. In pratica si sarebbe verificata una vasta degenerazione corruttiva nel pur già discutibile sistema degli aiuti e della cooperazione, che vede i fondi per i Paesi in via di sviluppo comunque orientati a beneficiare prioritariamente le imprese e le organizzazioni incaricate dal governo donatore a utilizzarli.

L’eurodeputato Pino Arlacchi dell’Idv, dopo una missione in Afghanistan con incontri con il presidente Hamid Karzai e con comandanti delle forze militari Usa, ha dichiarato nell’Europarlamento di Strasburgo di voler inviare il rapporto in elaborazione alle magistrature competenti per denunciare casi di corruzione, illegalità e sprechi riguardanti appaltatori stranieri e agenzie internazionali.

Arlacchi stima che addirittura il 70-80% di circa 34 miliardi di dollari, affidati negli ultimi otto anni dai Paesi donatori alle organizzazioni non afghane, non sarebbero andati alle popolazioni locali. Questo sarebbe avvenuto tramite appalti gonfiati, fatturazioni di spese inesistenti, consulenze d’oro incomprensibili e altri trucchi simili. L’ambasciatore britannico Mark Sedwill, rappresentante civile per conto della Nato a Kabul, ha confermato all’agenzia Reuters l’esistenza di studi che dimostrerebbero altissime percentuali degli aiuti internazionali mai arrivati alle popolazioni locali bisognose. Lo stesso Karzai, impegnandosi a potenziare le leggi anti-corruzione, ha sollecitato i governi donatori ad introdurre efficaci controlli sulle imprese da loro delegate ad operare sul posto.

Una volta tanto la componente italiana non appare al centro dei problemi corruttivi. Arlacchi utilizza proprio esempi virtuosi dell’intervento italiano per evidenziare le maggiorazioni di costi applicate da organismi di altri Paesi o internazionali. «Le scuole costruite in Afghanistan da agenzie dell’Onu e degli Stati Uniti costano tra tre e dieci volte di più rispetto a quelle realizzate dal contingente italiano delle forze militari Nato e da organismi italiani», ha affermato l’eurodeputato puntando poi l’indice su consulenze da 300 mila dollari l’anno elargite nell’ambito degli appaltatori privati.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 577 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info