Afghanistan, Arlacchi: "Bisogna cambiare strada"

E-mail Stampa PDF

www.europarl.europa.eu, 14 dic. 2010

Cambiare strategia in Afghanistan? Pino Arlacchi, ex-vice segretario generale dell'ONU e deputato europeo nelle file dei Socialisti e Democratici, è convinto che non solo è possibile, ma necessario. Il suo rapporto, che sarà discusso dal Parlamento mercoledì e votato giovedì, sostiene che l'opzione militare è ormai giunta al capolino, e solo un approccio civile garantirà che il governo afgano assuma appieno le sue responsabilità.

 

Onorevole Arlacchi, dopo un anno di lavoro: qual è il principale messaggio del suo rapporto?

Il messaggio è che l'UE dovrebbe iniziare ad avere idee proprie sull'Afghanistan. Troppi errori sono stati fatti, solo perché l'UE ha seguito gli USA.

Gli Stati Uniti sono nostri amici. Proprio per questo, abbiamo il dovere di dire loro quando sbagliano. E il più grande errore in Afghanistan è stato, finora, pensare di poter vincere con la forza militare, in un paese in cui è impossibile.

Dopo le conferenze di Kabul e di Londra si è finalmente accettato che l'approccio militare era fallito, e che bisognava mettere in atto una strategia civile. Sono contento che i colleghi di tutti i gruppi politici abbiano contribuito in modo costruttivo a questa strategia: il rapporto ora è più solido.

Qual è la situazione in Afghanistan oggi, rispetto al passato?

I tempi sono cambiati, con l'intervento internazionale sono arrivati aiuti massicci. Non ci sono solo truppe militari, ma anche cooperazione civile. Solo i contributi europei sono di un miliardo di euro all'anno.

Arriveranno ancora altri 4-5 miliardi, una somma più che abbondante per ricostruire il paese. Il paradosso, però, è che la situazione sociale ed economica non sta migliorando. Non è migliorata quasi per niente negli ultimi 10 anni. Il mio rapporto si chiede perché e propone adeguate correzioni.

Quali sono in concreto le sue proposte?

Solo il 20% dei fondi per lo sviluppo arriva alla popolazione, il resto si perde per strada. Questo è in parte dovuto alla corruzione del governo afgano. Ma la maggior parte di questi aiuti - voglio sottolinearlo - vengono spesi male, sprecati in duplicazioni, fatture, spese eccessive e non necessarie in sicurezza e consulenze. Siccome questi sono aiuti internazionali, siamo responsabili di intervenire e cambiare la situazione. Dobbiamo dare più fondi al governo afgano, almeno il 50%. L'obiettivo principale è la "afganizzazione" degli aiuti.

L'altro punto cruciale è il processo di pace. Abbiamo il dovere di sostenerlo e impegnare il governo di unità nazionale a mantenere il cessate il fuoco e negoziare l'accordo di pace, che è l'unica soluzione politica e diplomatica possibile. Il governo Karzai deve essere libero di scegliere chi sono i suoi interlocutori: se decide di coinvolgere i Talebani e altri gruppi insorgenti, dobbiamo rispettarlo.

Noi dobbiamo solo assicurare che Al - Qaeda sia fuori gioco, che la costituzione afgana e i diritti delle donne siano rispettati. E che la coltivazione d'oppio sia sradicata, perché questo è un interesse europeo. La ragione principale per cui dovremmo restare in Afghnaistan, è combattere la coltivazione di oppio. Perché 1 milione e mezzo di drogati attinge da lì.

Pensa che la pubblicazione di documenti segreti su Wikileaks possa mettere in pericolo vite in Afghanistan?

Sto leggendo i documenti che riguardano l'Afghanistan e non mi sembra. C'è stato un comportamento responsabile, sia da parte di Wikileaks che dei giornali che hanno ottenuto i documenti. Hanno cancellato tutti i riferimenti a posti e persone, per tutelarne la sicurezza: l'isteria collettiva è fuori luogo.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 197 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info