Archeologia: a Bruxelles in mostra i tesori della Magna Graecia

E-mail Stampa PDF

Magna Grecia

Dal 12 al 16 novembre a Bruxelles, l'esposizione organizzata dalla società Progetto Magna Graecia (clicca per visualizzare l'invito)

"Alle radici dell’Europa. Progetto Magna Graecia: un grande passato davanti a noi”.

Per la prima volta in ambito internazionale, sette tesori del patrimonio archeologico europeo, tra i maggiori reperti dall'arte magnogreca calabrese, saranno esposti a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo. A rievocare storia e splendore delle colonie magnogreche, la "Testa del Filosofo", il "Kouros di Reggio", il "Dioscuro di Locri", il "Toro Cozzante di Sibari", la "Stele marmorea di Crotone", l’"Elmo Corinzio di Vibo Valentia" e il "Cratere con scene di caccia di Gioia Tauro".

All'inaugurazione (che si svolgerà il 13 novembre alle 17.30), saranno presenti il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, il Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, l’Ambasciatore italiano presso l'Ue Ferdinando Nelli Feroci, parlamentari e altre autorità dell'Unione europea.

La mostra, la più importante esposizione sulla Magna Graecia calabrese allestita sinora fuori dalla regione, è organizzata dalla società "Progetto Magna Graecia", nata da un'idea di Pino Arlacchi con l'obiettivo di valorizzare il ricco patrimonio archeologico calabrese, promuovere campagne di scavo, attività di formazione e programmi di sviluppo locale basati sull'eredità magnogreca.

«Lungo le coste della Calabria - racconta Pino Arlacchi - giace uno dei maggiori patrimoni archeologici europei. La grandezza dei Greci d’Occidente ci ha lasciato un’eredità immensa di creazioni intellettuali che stanno alla base della scienza e della cultura europea, nonché insediamenti, edifici, opere d’arte, manufatti artigianali solo in modesta parte portati alla luce dagli scavi. Sibari e Crotone sono ancora sepolte, e l’area archeologica locrese attende una sistemazione organica di quanto portato in superficie. Quanto è oggi visibile dopo un secolo di scavi limitati è già sufficiente a costituire un patrimonio ingente, da proteggere e valorizzare in nome della conservazione del passato dell’umanità e delle origini stesse del mondo occidentale».

«Le motivazioni della mostra e il prestigio della sede - spiega la Soprintendente Simonetta Bonomi- hanno convinto la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria a proporre al Ministero per i Beni e le Attività Culturali il prestito di poche ma importantissime opere che vogliono essere una suggestiva sintesi non solo delle antichità restituite dal mare e dal sottosuolo della Calabria ma anche delle migliori espressioni della civiltà e della cultura artistica della Magna Grecia – come pure della madrepatria greca - nel periodo del suo massimo splendore tra i secoli VII e IV avanti Cristo».

Le sette opere d'arte saranno esposte nella sede del Parlamento europeo dal 12 al 16 novembre.

 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 263 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info