Calabria, Magna Graecia, la lettera al Direttore del Quotidiano della Calabria

E-mail Stampa PDF

18 set. 2013 - Pubblico per i visitatori di questo sito, la lettera indirizzata al Direttore del Quotidiano della Calabria del Signor Giovanni Palermo

Arlacchi e una risposta che non è mai arrivata

"DIRETTORE, a memoria di chi scrive, la Calabria non ha mai vissuto dei periodi floridi, sempre in emergenza, sempre polemiche feroci su disservizi, gestione clientelare, favoritismi e tutto il rosario che ben tutti conoscono; tuttavia si è sempre arrancato grazie a un sistema assistenziale che portava le famiglie ad avere sempre qualche prebenda su cui fare affidamento, oltre a una estrema tolleranza per il lavoro in nero che faceva storcere il naso a quegli analisti che dovevano registrare
redditi bassi che si contrapponevano a un tenore di vita nettamente superiore a quelle di regioni più opulente.
Ma da un decennio a questa parte, complice la crisi economica e il conseguente taglio dei finanziamenti, la Calabria sta andando alla deriva tanto da portare la giunta regionale ad annunciare il varo di un fondo per finanziare le famiglie in difficoltà.
Ora, nella speranza che questo non risulti un ennesimo annuncio a cui non far seguire fatti concreti, vorrei ritornare sul dibattito sorto all’indomani della mia lettera sulla società Magna Grecia; un progetto nato sotto buoni auspici e affidato a una persona di spessore che infatti non smentendosi ha inteso rispondere ammettendo il fallimento di quel progetto.
Confesso che, ingenuamente, avevo pensato che di fronte al j’accuse dell’onorevole Pino Arlacchi, che ritengo persona seria e perbene, la Calabria civile avrebbe mostrato un sussulto d’orgoglio facendo registrare prese di posizioni e stigmatizzazioni per una occasione perduta in un momento in cui anche un solo posto di lavoro sarebbe stato una boccata d’ossigeno; nulla, né da destra né da sinistra, tutti in silenzio e distratti; nessun politico, ma anche associazioni comitati sindacati, eccetera ha fatto registrare il benché minimo cenno di esistenza, un aplomb degno del più aristocratico dei lord inglesi, un assordante silenzio che stride con la situazione di emergenza sociale che si vive".

"Dal canto suo la regione, chiudendosi a riccio, ha inteso rispondere con uno striminzito comunicato di accuse generiche e rimpallo di responsabilità di craxiana memoria, tutti colpevoli nessun colpevole.
Ovviamente la risposta dell’onorevole Arlacchi è stata molto chiara, nella sua durezza, riuscendo a cogliere in poche righe i veri mali della nostra terra; una terra che vive sul clientelismo sfrenato e su un ricatto del bisogno. Orbene credo che per avere libertà la Calabria ha bisogno prima di liberare dalla schiavitù del bisogno del lavoro; infatti il primo vero problema dei calabresi è il lavoro che è il mezzo utilizzato dalla classe politica per ricattare l’elettorato costringendolo a dargli il voto; vede, a ogni elezione basta aprire un call center per far sì che un qualunque politico, anche il più infimo qualitativamente, ottenga una valanga di voti. In pratica per fare politica basta avere qualche posto di lavoro da promettere perché folle di bisognosi si sottomettano al ricatto; se poi questa persona vale politicamente poco importa, poiché fondamentale è la prebenda che può promettere.
Infatti basta che un politico abbia il tacito appoggio di un oscuro burocrate per spostare a suo favore masse elettorali; una pratica può essere sbrigata in un’ora oppure in un anno tutto sta al burocrate di turno; se sei amico del suo amico la pratica si evade a vista, se non sei amico di nessuno la pratica va protocollata, valutata, accertata firmata con conseguenti tempi biblici; e allora chi ha necessità cerca l’amico che a sua volta lo cercherà in campagna elettorale per l’indicazione di voto, e poco importa il nome o le qualità del politico segnalato, che poi è quasi sicuramente quello che ha fatto assumere il burocrate, un circolo vizioso che sfianca il povero
cittadino che non vede alternative al ricatto che subisce in campagna elettorale.
Però bisogna dire che la perdta, per come ha detto l’onorevole Arlacchi, di finanziamenti per 250 milioni di euro da destinare
ai beni culturali calabresi per mancanza di progetti, non possono passare sottotono soprattutto alla luce degli emolumenti
percepiti dai dirigenti e funzionari regionali, tutti rigorosamente sopra i centomila euro annui, oltre premi.
Ha ragione il professore Carinci quando afferma che la Calabria è terra ospitale per gli estranei e inospitale per i suoi figli, accogliendo chi cerca mare, sole e tempo mite facendo fuggire piangendo i suoi figli spesso costretti a dimostrare il proprio valore oltre Pollino.
Spero che qualcuno più autorevole riesca ad avere un sussulto iniziando a pretendere risultati effettivi onde riportare un minimo di speranza al futuro di questa terra altrimenti non resta che consigliare alle giovani generazioni di andare via da una terra bellissima che ben altro popolo avrebbe meritato".

Giovanni Palermo

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 430 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info