"Gli Uomini del disonore" in riduzione teatrale al Teatro Bellini di Palermo

E-mail Stampa PDF

9 gennaio 2010

La Repubblica
di Laura Nobile

"Mi chiamo Antonino Calderone" confessione di un mafioso pentito - Al Bellini
L'attore porta in scena il monologo scritto da Dacia Maraini e tratto dal libro di Arlacchi

Una confessione-fiume, che ha già in sé una cadenza teatrale. La storia di un'affiliazione mafiosa dettata da una storia familiare che non lascia scampo, ma vissuta quasi dall´esterno, con un senso di inevitabile necessità. "Mi chiamo Antonino Calderone" di Dacia Maraini è la nuova produzione del Teatro Biondo che alle 21 debutta in prima nazionale al Bellini, diretto e interpretato da Pino Caruso.

Tratto da "Gli uomini del disonore" di Pino Arlacchi, lo spettacolo è la trasposizione in forma teatrale della confessione raccolta dal sociologo. La storia è quella del pentito Antonino Calderone, un mafioso che all´inizio degli anni Settanta entra a far parte della famiglia catanese, con il fratello Pippo, e di cui il monologo segue la trasformazione e il travaglio che sta dietro a scelte sofferte.

«Del libro di Arlacchi, che ha già una cadenza teatrale, ho tratto la storia di quest´uomo dalla vita avventurosa e difficile, sempre inseguito dalla vendetta - racconta Dacia Maraini - un uomo non portato per carattere ai delitti, ma trascinato dalla storia familiare e dall´intimità col fratello Pippo, che era il vero mafioso di rango, a entrare nel clan». Per l´autrice, l´interesse della storia di Calderone sta proprio nel suo racconto a margine: «Calderone sembra non essere mai al centro dell´universo mafioso - continua la scrittrice, che ha appena pubblicato "La ragazza di via Maqueda" - resta lateralmente e con uno sguardo quasi distaccato. Vede molte cose, ha paura di essere ucciso e cerca in tutti i modi di evitare di uccidere».

Dal punto di vista scenico, Caruso ha scelto di interpretare l´uomo nella sua stanza, mentre davanti a un registratore consegna ad Arlacchi la sua confessione e i suoi rimorsi. «Al centro del monologo - racconta l´attore - c´è proprio l´aspetto umano di una persona che non sembrava tagliata per fare il mafioso, ma per il quale gli esempi "positivi" erano quelli violenti che venivano dalla famiglia. Dal monologo emerge l´ignominia della mafia e un appello sincero ai mafiosi ad abbandonare una vita infame». All´uccisione di tre bambini Calderone riesce a sottrarsi solo non partecipando direttamente, ma dall´allora qualcosa in lui comincia a cambiare e dopo l´omicidio del fratello fuggirà all´estero. Arrestato e detenuto in Francia, è stato ascoltato da Falcone nell´87 e ora vive all´estero sotto protezione. Repliche fino al 31, biglietti da 20 a 40 euro.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 375 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info