"Gli Uomini del disonore" in riduzione teatrale al Teatro Bellini di Palermo

E-mail Stampa PDF

9 gennaio 2010

La Repubblica
di Laura Nobile

"Mi chiamo Antonino Calderone" confessione di un mafioso pentito - Al Bellini
L'attore porta in scena il monologo scritto da Dacia Maraini e tratto dal libro di Arlacchi

Una confessione-fiume, che ha già in sé una cadenza teatrale. La storia di un'affiliazione mafiosa dettata da una storia familiare che non lascia scampo, ma vissuta quasi dall´esterno, con un senso di inevitabile necessità. "Mi chiamo Antonino Calderone" di Dacia Maraini è la nuova produzione del Teatro Biondo che alle 21 debutta in prima nazionale al Bellini, diretto e interpretato da Pino Caruso.

Tratto da "Gli uomini del disonore" di Pino Arlacchi, lo spettacolo è la trasposizione in forma teatrale della confessione raccolta dal sociologo. La storia è quella del pentito Antonino Calderone, un mafioso che all´inizio degli anni Settanta entra a far parte della famiglia catanese, con il fratello Pippo, e di cui il monologo segue la trasformazione e il travaglio che sta dietro a scelte sofferte.

«Del libro di Arlacchi, che ha già una cadenza teatrale, ho tratto la storia di quest´uomo dalla vita avventurosa e difficile, sempre inseguito dalla vendetta - racconta Dacia Maraini - un uomo non portato per carattere ai delitti, ma trascinato dalla storia familiare e dall´intimità col fratello Pippo, che era il vero mafioso di rango, a entrare nel clan». Per l´autrice, l´interesse della storia di Calderone sta proprio nel suo racconto a margine: «Calderone sembra non essere mai al centro dell´universo mafioso - continua la scrittrice, che ha appena pubblicato "La ragazza di via Maqueda" - resta lateralmente e con uno sguardo quasi distaccato. Vede molte cose, ha paura di essere ucciso e cerca in tutti i modi di evitare di uccidere».

Dal punto di vista scenico, Caruso ha scelto di interpretare l´uomo nella sua stanza, mentre davanti a un registratore consegna ad Arlacchi la sua confessione e i suoi rimorsi. «Al centro del monologo - racconta l´attore - c´è proprio l´aspetto umano di una persona che non sembrava tagliata per fare il mafioso, ma per il quale gli esempi "positivi" erano quelli violenti che venivano dalla famiglia. Dal monologo emerge l´ignominia della mafia e un appello sincero ai mafiosi ad abbandonare una vita infame». All´uccisione di tre bambini Calderone riesce a sottrarsi solo non partecipando direttamente, ma dall´allora qualcosa in lui comincia a cambiare e dopo l´omicidio del fratello fuggirà all´estero. Arrestato e detenuto in Francia, è stato ascoltato da Falcone nell´87 e ora vive all´estero sotto protezione. Repliche fino al 31, biglietti da 20 a 40 euro.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 Mag 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 Mag 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 Mag 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 Mag 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 Mag 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 Mag 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 Mag 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 Mag 2020

Newsletter


Chi è Online

 283 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info