Home » Rassegna Stampa » Articoli »

Afghanistan, parlano Arlacchi, Gallo, Caracciolo: è un segreto di Pulcinella.

E-mail Stampa PDF

"La nostra Carta non vieta di fare attività belliche, ma di dirlo" - Il Dossier

di Umberto Degiovannangeli

l'Unità, 28 mag.2010

Se quanto rivelato da l’Espresso «rispondesse al vero, sarebbe un fatto di gravità inaudita. L’Italia nega che in Afghanistan sia in corso una guerra e anche in guerra la Convenzione di Ginevra considera un atto illegale, un crimine ogni azione di rappresaglia». La vicenda è talmente grave che la fonte autorevolissima, con un passato di responsabilità ai massimi livelli in campo militare, preferisce non comparire. Il condizionale è d’obbligo, ma se ciò che l’Espresso ha documentato fosse vero, «ciò svelerebbe in modo inequivocabile che quella in Afghanistan non è una missione di pace, ma è una missione in cui i Paesi della Nato intervengono in un conflitto interno, svolgendo una attività militare di controinsorgenza. Un’attività bellica che la nostra Costituzione non ci consentirebbe», dice a l’Unità un magistrato e saggista, tra i più autorevoli studiosi del diritto internazionale. «Se fosse vero implicherebbe una violazione gravissima del mandato assegnato alle nostre truppe dal Governo e dal Parlamento italiano», sottolinea l’europarlamentare dell’Idv Pino Arlacchi, già vice segretario generale delle Nazioni Unite, relatore del Parlarmento di Bruxelles per l'Afghanistan.

Il fortino di Bala Murghaib Se fosse vero... Una premessa d’obbligo che nulla toglie all’autorevolezza dell’estensore dell’articolo e alla documentazione che supporta la clamorosa rivelazione. Se fosse vero, sarebbe «semplicemente un altro dei molti episodi di guerra in cui le nostre truppe sono state coinvolte, senza che il pubblico lo sapesse», rimarca Lucio Caracciolo, direttore della rivista italiana di geopolitica Limes. «Le ragioni di questo segreto di Pulcinella - aggiunge Caracciolo - è che l’interpretazione corrente della nostra Costituzione, non ci impedisce di fare la guerra, ma di dirlo». L’area dove si trova il fortino di Bala Murghab si sta rivelando sempre più tra le più calde dell’Afghanistan. «Gli insorti - spiega a l’Unità Caracciolo - stanno allargando il fronte, anche per rispondere alla fin troppo annunciata offensiva americana su Kandahar. Inoltre gli insorti si stanno frammentando in vari gruppi, talvolta anche in contrasto tra loro, Insomma - conclude il direttore di Limes - la situazione afghana sta diventando sempre più caotica». «Quello che si sta sempre più ventilando in Afghanistan - rileva ancora Domenico Gallo - è un gravissimo vulnus costituzionale, “mitigato” dal fatto che il Governo disconosce il carattere bellico dell’operazione». «In Afghanistan - conclude il giurista - stiamo percorrendo un terreno che ci sta portando fuori dai binari che il costituente aveva fissato all’azione internazionale dell’Italia, anche in vista di tutelare i diritti fondamentali dei cittadini ai quali non si può richiedere di rischiare la vita in qualcosa che la nostra Costituzione vieta». Ciò che in Afghanistan si sta sta materializzando è qualcosa di inquietante, qualcosa denunciato da tempo dai movimenti per la pace: una guerra che l’Italia sta combattendo.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 539 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info