Pd, un ulteriore rinvio sarebbe disastro

E-mail Stampa PDF

Il Quotidiano della Calabria, 5 giu. 2012

di Pino Arlacchi

1. Sono tornato ad occuparmi della mia regione dopo il rientro nel Partito Democratico e dopo un paio di decenni di assenza. Niente di strano. Non c'entra il ritorno alle origini. Al contrario, ciò che mi attrae è il senso di una nuova sfida. Era Madame de Staël, d'altra parte, che diceva che nella vita ci sono solo inizi.

2. Bene. Anzi, male. Perché questo nuovo inizio si scontra con ostacoli che non avevo previsto. Conoscevo la litania dei mali della regione. Ma non ero preparato a misurarmi con l'estensione a tutto campo del degrado. Non mi aspettavo una demoralizzazione così acuta della sinistra calabrese. Una sfiducia così profonda nelle proprie possibilità. Sono un avanzo di '68 e di vecchia sinistra. Ho sempre pensato, e continuo a pensare, che la leva principale per cambiare la Calabria è la forza di derivazione socialista e comunista, alleata con il meglio della tradizione cattolica. Trovare un partito così sfiduciato mi ha molto addolorato. E non mi ha consolato l'idea che è tutta la regione ad essersi curvata sotto il cielo basso del cinismo e della meschinità politica. Noi, popolo della sinistra calabrese, siamo sempre stati la punta più utopica, irriducibile e "altra" del movimento progressista dell'intero Paese. Non voglio farla lunga, ma è dal Risorgimento in poi che è così.
3. Ma chi crede nel progresso sa che il momento più buio della notte può anche essere quello che precede il mattino. Nonostante i decenni perduti che gli stanno dietro, il Partito democratico della Calabria ha comunque dentro di sé la forza di svoltare, di ritrovare il filo interrotto della storia lunga e fiera da cui proviene. E il congresso del 24 giugno è la sua grande occasione.
4. Dopo due anni di anarchia e di conflitti e di umiliante commissariamento, si intravede una via di uscita. Si è svolta una discussione interna dai toni vivaci ma sempre contenuta entro i binari della dialettica democratica. Sono emerse candidature rispettabili, di persone perbene, alla leadership del partito regionale. Iscritti, militanti e cittadini calabresi attendono solo il vaglio delle elezioni primarie per conoscere il nome del prossimo segretario. Non c'è stata alcuna rissa n'è scontro sopra le righe. Solo quel normale, benefico confronto di idee, posizioni e identità che sono il sale stesso della democrazia.
5. Sarebbe ben strano, e invero disastroso per il PD e per la politica calabrese, se qualcuno trovasse un pretesto per ritardare ulteriormente l'elezione del 24 giugno. Si tratterebbe di uno schiaffo alla dignità di un partito che si è già fatto abbastanza male da solo e che tenta di uscire dall'epoca delle sconfitte e della subalternità. E se tale rinvio delle primarie fosse suggerito da qualche circoletto romano e fosse accettato dai candidati, si tratterebbe di un atto di prepotenza centralista da un lato e di servilismo neocoloniale dall'altro. Che violerebbe platealmente il primo articolo dello Statuto del PD, che ne sancisce la natura federale. E che ricaccerebbe il PD regionale dentro il guscio delle sue peggiori tradizioni.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 167 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info