Magna Graecia, Sibari, "Quel progetto c'è. È impantanato nell'inconcludenza"

E-mail Stampa PDF

Il Quotidiano della Calabria, 27 gen. 2013

di Pino Arlacchi

Caro Direttore, il suo editoriale dell’altro ieri così sintetizzava lo scandalo della mancata valorizzazione dei beni culturali calabresi: “Ambiente, paesaggio, archeologia piuttosto che essere il fulcro di un grande progetto culturale, tecnico e politico sotto la bandiera del “bene comune” vengono gestiti all’insegna delle combriccole e delle amicizie”.

Condivido in pieno, ma devo aggiungere che la situazione ancora più seria. Il grande progetto da lei evocato esiste già, ma non è stato attivato. Si tratta addirittura di una legge regionale approvata due anni addietro proprio per farla finita con decenni di combriccole ed amicizie. La legge che istituisce il Progetto Magna Graecia ha dato vita allo strumento di buongoverno che può trasformare il giacimento archeologico calabrese da zavorra a leva fondamentale  dello sviluppo. Ma appena creata, questa legge è stata messa in un angolo e trasformata in un pezzo di carta come tanti.

Le cose sono andate così. Ho dedicato al Progetto Magna Graecia buona parte del mio impegno di Parlamentare europeo con radici calabresi. E ciò sulla base di una precisa scelta, cui ero obbligato anche dalla mia professione di sociologo. Questa professione mi dice che la Calabria ha tre carte strategiche da giocare per uscire dall’ arretratezza e ricongiungersi all’Europa. La prima carta è già disponibile, ed è l’Università della Calabria, che è la migliore del Sud e viaggia su standard europei. Le altre due sono solo potenziali e consistono, appunto, nei suoi beni culturali e nel Porto di Gioia Tauro.

Pochi si rendono conto della scala delle risorse di cui stiamo parlando. Giacimenti culturali calabresi e Porto di Gioia sono tra i maggiori del Mediterraneo e dell’ Europa, capaci di far decollare senza fatica una piccola regione di 2 milioni di abitanti. Quando anche uno solo di questi due asset inizierà a mostrare il suo potere di traino e si collegherà all’ Università, la Calabria comincerà ad uscire dagli anni-secoli bui.

Il Progetto Magna Graecia è nato come un’associazione di Comuni detentori di significativi lasciti archeologici e decisi a valorizzarli. Ho promosso questa associazione nel 2009, in un clima di acuta frustrazione. Nessuno dei soci voleva includere la Regione nel progetto, nonostante fosse la Regione a gestire i fondi europei occorrenti per operare. Questa chiusura era ben motivata. La mancanza di sensibilità del governo Loiero per questo argomento era scoraggiante. La prova? Un assessore alla cultura serio e capace come Sandro Principe era stato estromesso nel 2007, dopo aver tracciato le linee operative dell’ uso dei fondi necessari per Sibari antica, l’archeologia magnogreca, la protezione e il recupero dei beni culturali. Tutte le cose di cui parliamo ora mentre piangiamo sulle rive del Crati. Sei anni dopo.

Il centro sinistra perse, giustamente, le elezioni e nel 2010 è arrivato il centrodestra di Scopelliti. Con la nuova amministrazione si creò subito una buona intesa: sia il Presidente che il nuovo assessore alla cultura, Mario Caligiuri, un collega professore che conoscevo e stimavo da tempo, si dichiararono favorevoli all’idea di riqualificare i beni magnogreci. Di fronte alla nostra richiesta di accedere ad una modesta quota dei fondi POR come associazione di comuni, invece di nicchiare, rilanciarono su tutta la linea.

Perché non creare una sinergia Regione-Unione europea per il bene della Calabria, lavorando assieme per investire i fondi già esistenti per l’ archeologia ed ottenerne di nuovi grazie al mio impegno presso Parlamento e Commissione europea?

Ci sono programmi speciali direttamente gestiti da Bruxelles, come i grandi progetti superiori ai 50 milioni di euro, nei quali Progetto Magna Graecia entra come il coltello dentro il burro, una volta acquisita la credibilità di base.

Accettammo con entusiasmo la contro-proposta. La sua realizzazione comportava la creazione di una società in-house, composta al 51% dalla Regione e al 49% dai comuni promotori, che avrebbe dovuto ricevere una dotazione iniziale di circa 30 milioni di euro per le attività di protezione, promozione e messa in valore anche identitaria della cultura magnogreca calabra, collegandola a quella della Grecia, del Mediterraneo e del resto del mondo tramite le nostre comunità all’estero.

Il progetto era nell’ interesse generale della Calabria, e doveva mantenere il carattere  bypartisan, anzi overpartisan, delle origini. E così fu. Contattammo tutti i partiti, e la legge istitutiva fu approvata senza difficoltà, e all’unanimità, nel dicembre 2010. Anche l’opposizione PD e IDV sostenne l’ iniziativa, che sembrò davvero un piccolo miracolo in una regione rissosa ed autolesionista come la nostra.

Il circolo virtuoso, purtroppo, si è fermato qui. Nel momento del fare, cioè quello di intaccare sul serio le incrostazioni che hanno sempre impedito di costruire qualcosa di buono in Calabria, tutto si è bloccato. Mario Caligiuri si è rivelato un amministratore debole  e inconcludente. Un intellettuale della Magna Graecia nel senso non elogiativo della battuta, interessato solo alle piccole cose, che ha trascinato i piedi per un tempo così lungo da farsi tagliare una dopo l’ altra, dal governo centrale e dall’ Unione europea, le voci del suo budget. Oltre 70 milioni di euro destinati ai beni culturali buttati via dalla finestra. Una cifra impressionante, con la quale si sarebbe potuto non solo mettere a regime tutto il patrimonio archeologico della Calabria, ma accrescerlo, portando alla luce una città perduta come Thurii, la seconda  Sibari ricostruita dopo l’inondazione del Crati nel 510 a. c.

Il corpaccio ammalato della burocrazia regionale, poi, ci ha messo di suo, amplificando l’ incapacità amministrativa dell’ assessore. Il risultato è che Progetto Magna Graecia attende ancora i suoi fondi dotazione. Abbiamo ricevuto solo qualche spicciolo per la sopravvivenza elementare.

Ciononostante, sono andato all’UNESCO per iniziare le complesse procedure per il riconoscimento del nostro patrimonio come bene dell’ umanità. Abbiamo organizzato con mille difficoltà finanziarie una Mostra di alcuni tesori dei nostri musei al Parlamento europeo, ottenendo un prestigiosissimo invito a replicarla subito  a Roma, nel Museo di Castel Sant’Angelo, il luogo più visitato dopo i Fori Imperiali, ed altri inviti internazionali. Non accettati per mancanza di risorse.

A questo punto è necessario che sia il Presidente della Regione ad avocare a sé l’intera materia, tentando di riparare i danni e recuperare il tempo perduto. Non vedo altre soluzioni nell’ immediato. Occorre anche coinvolgere tutte le energie della Calabria interessate a porre il nostro grande passato davanti a noi.  E qui il suo giornale può svolgere un ruolo decisivo.

Grazie dell’ospitalità.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 141 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info