Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Il Papa del Terzo Mondo

E-mail Stampa PDF

Qualche giorno fa avevo scritto questo articolo nel quale prevedevo il possibile avvento di un Papa del Terzo Mondo. Mi dispiace molto che l'Unità non l'abbia pubblicato. Lo metto a disposizione dei lettori di questo sito.

Roma, 14 marzo 2013

di Pino Arlacchi

Se il Conclave dovesse riflettere le trasformazioni epocali avvenute negli ultimi decenni nel mondo cattolico e cristiano, non ci dovrebbe essere quasi alcuna possibilità di ritrovarsi un Papa italiano o anche occidentale. Il baricentro del cristianesimo mondiale si è da tempo spostato a Sud, in Africa ed America latina, dove si trovano le più grandi comunità cristiane del pianeta. E anche in Asia si espandono vigorose frotte di fedeli di Cristo, se è vero che nella sola Cina ci sono il doppio dei battezzati dell’ Italia.
Negli ultimi cinque secoli, la storia della cristianità si è fusa con quella dell’Occidente europeo e nordamericano. Fino agli inizi del Novecento, la stragrande maggioranza dei cristiani – i due terzi- vivevano in Europa. Ciò ha autorizzato qualcuno a parlare di una civiltà occidentale cristiana, e qualcun altro di cristianesimo come strumento ideologico dell’ imperialismo occidentale. Quei due terzi si sono ridotti oggi a un magro 25%, e anche meno se togliamo la Russia.

A metà del 2012, il 65% dei battezzati vive nel Sud del mondo e in Asia, ma ciò che più conta sono i tassi di crescita. I cristiani dell’ Africa aumentano del 2,36% all’ anno, e nel 2025 sfioreranno i 600 milioni, contro i 623 dell’ America latina ed i 500 asiatici. L’ Europa ne conterà solo 513 su 2,6 miliardi: il 19,7%. Se vogliamo visualizzare la tipica figura del cattolico praticante di oggi, dobbiamo pensare alla donna di un villaggio nigeriano o all’ abitante di una favelas brasiliana. Tra meno di 40 anni, nel 2050, il cristiano bianco sarà un ossimoro curioso come quello di uno svedese buddista oggi.
Ma il Conclave non rispecchia questa rivoluzione. Tra i 117 cardinali gli europei sono ben 61,il 52%. Oltre il doppio di quanto dovrebbero. Assieme ai 14 nordamericani essi formano un blocco molto vicino al quorum dei due terzi necessario per eleggere un altro Papa occidentale. Il resto del mondo è rappresentato da 42 porporati, il 36%: meno della metà di quanto dovrebbe essere.
Ed è meglio non parlare dell’incredibile anacronismo costituito dai 28 cardinali provenienti da un singolo paese, l’ Italia, dove risiede solo il 2,5% dei 2 miliardi 200milioni cristiani del pianeta e che nel Conclave conta quanto Africa ed America latina messe assieme.
Mille anni di strapotere Vaticano spiegano questo squilibrio, ma esso è perfettamente noto agli elettori del Pontefice. Essi sanno che i tempi della cristianità occidentale e del dominio della Curia di Roma sono finiti. E’ possibile perciò che essi optino per una soluzione progressiva, a bassa latitudine. E in nome di una Chiesa più giusta, più aperta, finalmente cattolica. Cioè universale.

 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 149 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info