Afghanistan: Voto; Arlacchi, vergogna ad uso Occidentali

E-mail Stampa PDF

(ANSA), 30 ago. 2009 "Le elezioni presidenziali afghane sono state presentate dai media e dalle organizzazioni internazionali come un successo della democrazia, ma in realtà sono state una vergogna a causa della mancanza di supervisione, e dei brogli e delle violenze che le hanno accompagnate". E' quanto sostiene, in una nota, l'europarlamentare di Italia dei valori Pino Arlacchi.

Secondo Arlacchi, autore, come ex direttore esecutivo del Programma antidroga dell'ONU, di un piano per l'eliminazione delle colture di oppio dell'Afghanistan, "in nessun Paese del mondo si sarebbe tollerata una indegna messa in scena come quella prodotta dal governo Karzai in questi giorni. Se non si fosse trattato di un Paese occupato da truppe occidentali, sarebbe bastata una frazione delle violazioni che si sono verificate per far gridare allo scandalo".

"La Commissione elettorale centrale - sostiene ancora Arlacchi - tutto ha fatto tranne che garantire il rispetto delle leggi perché è una semplice emanazione di Karzai. Il corpo elettorale è stato gonfiato con tre milioni di 'nuovi votanti', pari al 17% del totale, permettendo agli uomini di ritirare le tessere elettorali di parenti di sesso femminile inesistenti. In molti distretti la percentuale delle donne che hanno votato è inferiore al 5% ed i capi tribali sono stati minacciati di rappresaglie nel caso di voti affluiti al candidato sbagliato, cioé anti-Karzai. Il sequestro delle schede e dei seggi, l'intimidazione degli elettori, la minaccia di violenza fisica contro gli avversari durante la campagna elettorale hanno fatto inorridire tutti gli osservatori indipendenti presenti sul posto. Per non parlare dei 30 morti nei giorni delle elezioni".

"In realtà, la votazione - conclude Arlacchi - non ha riguardato gli afghani, ma doveva servire a convincere gli elettori di Parigi, Roma, New York e Londra che i loro governi non stavano sprecando il sangue dei soldati ed i fondi dei contribuenti intervenendo in una guerra civile a migliaia di chilometri da casa".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 185 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info