Arlacchi compie un viaggio interdisciplinare lungo la storia dell' umanità

E-mail Stampa PDF

L' Inganno e la paura recensito da Michele Cucuzza sul suo blog

30 marzo 2009

Il nuovo saggio del sociologo calabrese è uno stimolante viaggio interdisciplinare lungo la storia dell’umanità, un percorso dove antropologia, biologia, psicologia si incontrano con la statistica, la politologia e la cronaca millenaria dell’avventura umana.

E’ un libro a tesi e questo è l’elemento centrale.

“Da una parte abbiamo uno scenario globale grandemente migliorato dopo la scomparsa delle guerre e la diminuzione della violenza interna in molti paesi. Questo scenario è all’origine di una domanda di pace e distensione che ha determinato una riduzione delle spese militari, un aumento dell’avversione alla guerra e l’affermazione di strategie non aggressive della sicurezza, in regioni come l’Europa, l’Asia orientale, l’America del sud. Dall’altra parte, ci sono gli interessi del partito della paura che fanno capo all’industria mediatica globale e al complesso militare - industriale che controlla il governo degli Stati Uniti (il riferimento è a Bush Jr, da poco uscito di scena, ndr) e ne tiene viva la pretesa di governo mondiale. Sono queste le fonti della visione catastrofica della sicurezza umana che impedisce alla società mondiale di compiere il salto di qualità verso l’abolizione formale della guerra e verso la governance democratica universale”.

Le recenti svolte nella politica estera americana (lo storico messaggio via web all’Iran, il nuovo approccio sull’Afghanistan e Pakistan ecc.), operate da Obama in soli tre mesi, sembrano collimare in pieno con le teorie di Arlacchi. Vedremo.
Il libro contiene pagine profonde e commoventi sulla natura dell’uomo, la sua ambivalenza e irrisolutezza nelle scelte sociali (così efficacemente sintetizzate dall’”Odi et amo” di Catullo), il suo disvelarsi come figlio degli scimpanzé xenofobi e violenti ma anche in quanto erede dei bonobo, altre scimmie africane, completamente diverse, che sembrano predicare il motto “facciamo l’amore e non la guerra”, il suo sempiterno rifiuto dello scontro armato (chi l’avrebbe detto!) che, dai tempi antichi fino ad oggi, procura ai soldati in battaglia paure paralizzanti, squilibri psichici, vera e propria follia. Ma non agli psicopatici.

La conclusione di Arlacchi ci riporta ai nostri giorni: l’attuale crisi economico - finanziaria spingerà Obama a tagliare le spese militari degli Usa e questo, presumibilmente, comporterà la graduale uscita di scena dell’impero americano (sostituito possibilmente da inediti partnerariati di Washington con Europa, Cina, Russia ecc.) e la fine conseguente del grande inganno.

www.michelecucuzza.com

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 Mag 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 Mag 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 Mag 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 Mag 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 Mag 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 Mag 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 Mag 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 Mag 2020

Newsletter


Chi è Online

 150 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info