Iran, una chance per Obama

E-mail Stampa PDF

Pino Arlacchi sul disgelo con gli Usa: “Road map sul nucleare seria e dettagliata”

L'INDRO, 22 ottobre 2013

di Barbara Ciolli

Un Paese “a metà strada tra autoritarismo e democrazia”, con una “spinta fortissima verso il cambiamento”. Per Pino Arlacchi, europarlamentare (Pd) tra il 1997 e il 2002 Sottosegretario generale delle Nazioni Unite e Direttore dell'ufficio dell'Onu a Vienna, è riduttivo sostenere che l'Iran si avvicini all'Occidente solo per avere uno sconto sull'embargo che strozza la sua economia interna. E lo è anche affermare che, come durante la Presidenza di Mohammad Khatami (1997-2005), i negoziati sul nucleare si limiteranno a un allentamento del braccio di ferro da ambo le parti, fino all'avvento del prossimo presidente ultraconservatore nell'Iran o di un repubblicano alla Casa Bianca.

Arlacchi conosce l'attuale Ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif, ex ambasciatore della Repubblica Islamica a Palazzo di Vetro. E, durante il suo incarico alle Nazioni Unite, si è trovato a gestire le trattative sul nucleare della stagione riformista di Khatami. Dieci anni dopo è convinto che, nei prossimi anni, lo scenario globale degli equilibri tra potenze possa realmente cambiare, se solo, nel suo ultimo mandato da Presidente degli Usa, Barack Obama troverà il coraggio di sganciarsi dal partito della guerra americana e dalla lobby israeliana.

“Già nel 2003, la proposta dell'Iran sul nucleare si basava un progetto molto serio e dettagliato. Le trattative avrebbero potuto andare in porto nel 2003, se non avesse prevalso l'intransigenza dell'Occidente. Basterebbe riprendere in mano quel dossier, per raggiungere un accordo storico, non solo per il Medio Oriente”, ci racconta l'europarlamentare, esperto di sicurezza globale in aree d'influenza iraniana come l'Afghanistan.

Protagonista dell'inatteso disgelo è il nuovo Presidente iraniano Hassan Rohani, famoso all'estero per essere stato il Capo delegazione sul nucleare durante l'era Khatami. Alla vigilia del voto in pochi si sarebbero aspettati la sua vittoria. Si prevedeva un'affluenza bassissima alle urne e l'elezione pilotata di un conservatore. Come valuta le presidenziali del 14 giugno 2013 e che idea si è fatto di Rohani?

L'Iran non si può definire democratico al cento per cento, è pacifico che la democrazia sia ancora imperfetta. Anche se i cittadini vanno a votare, le elezioni vengono manipolate alla sorgente, con la censura preventiva dei candidati. Ma non va neanche sottovalutata l'enorme spinta al cambiamento chiesta dagli iraniani: vorrebbero vivere in modo occidentale, il ceto medio in espansione chiede modernizzazione. Se potesse, l'80-90 per cento dei cittadini si sbarazzerebbe del Governo autoritario dei vecchi chierici. I riformisti intercettano questa enorme fetta di popolazione, con un consenso quasi plebiscitario. Ma restano pur sempre una corrente composta dai compagni di rivoluzione dell'Ayatollah Ruhollah Khomeini. Il neo Presidente Rohani è espressione di questa contraddizione: incarna la voglia di cambiamento del popolo, ma rappresenta anche i limiti della teocrazia iraniana.

Chi screma i candidati è il successore di Khomeini, la Guida suprema Ali Khamenei, massima autorità politica e religiosa del Paese. Nel 2005 fu Khamenei a mandare avanti l'ultraconservatore Mahmoud Ahmadinejad, bloccando la stagione di riforme di Khatami. Due mandati dopo, è stato di nuovo l'Ayatollah a invertire marcia, consentendo la corsa di Rohani alle presidenziali. Poi però ha definito la telefonata con Obama «inappropriata», tornando a difendere i Guardiani della rivoluzione (Pasdaran). Da che parte sta Khamenei?

Le contestazioni di Rohani al suo rientro dall'Assemblea generale dell'Onu negli Usa, confermano che, in Iran, c'è una minoranza che si oppone al dialogo con l'Occidente. Questa minoranza ha una rappresentanza in Parlamento e, in primo luogo, nell'apparato militare. Khamenei inoltre presiede il corpo dei Guardiani della Rivoluzione ed è, indubbiamente, un conservatore. Ma non è neanche tra i peggiori conservatori: ha permesso stagioni progressiste. E solo con il consenso della Guida Suprema, Rohani ha potuto far ripartire i negoziati sul nucleare, aprendo agli Usa. Alla fine della presidenza Ahmadinejad, questo processo era nelle mani di Khamenei, che dopo le elezioni ha sbloccato le trattative.

Molti analisti affermano che i negoziati per il nucleare sono una tattica dell'Iran per prendere tempo. Far riprendere fiato al Paese, allentando le sanzioni. Ma senza in realtà mai abbandonare i progetti militari.

Non sono d'accordo. Al contrario di Israele, l'Iran aderisce al Trattato di non proliferazione nucleare (Tnp) e la sua linea istituzionale è sempre stata quella del disarmo. L'Ayatollah Khamenei ha ribadito più volte che l'Islam è contro le armi atomiche. La sua è un'autorità morale, non può contraddirsi. Inoltre, se Teheran avesse davvero voluto costruirsi l'atomica, l'avrebbe già fatto dieci o 15 anni fa. Il Tnp è un trattato traballante, basato sul compromesso: non sono previste sanzioni per chi esce e le armi atomiche restano legali. Nel 2003 la Corea del Nord uscì dal Trattato di non proliferazione. Si è poi costruita la sua bomba nucleare nella piena legalità.

Davvero l'Iran punta solo a un nucleare civile? Allora perché si è arrivati a uno scontro così forte con gli Usa durante l'amministrazione di Ahmadinejad?

La responsabilità non è addebitabile solo alle provocazioni dell'ex Presidente iraniano. Nel 2003 una valutazione dell'Agenzia internazionale per l'Energia atomica (Aiea) dimostrò che Teheran aveva abbandonato i suoi progetti militari. Era il momento buono per agire, invece prevalsero il partito della destra americana e la lobby israeliana. Anche l'Unione europea si allineò con gli Usa. Una seconda occasione si è persa nel 2010, quando Turchia e Brasile accettarono di riciclare il nucleare iraniano. Washington all'inizio era d'accordo, poi fece dietrofront. Trasformare il Medio Oriente un'area demilitarizzata resta un piano inattuato, perché si usano due pesi e due misure: si concede a Israele mano libera sul nucleare militare e civile e, dall'altra parte, si nega ai Paesi islamici il loro diritto al nucleare civile. Si tengono presente i diritti di Israele, ma non quelli degli altri. L'interna popolazione musulmana della regione li reclama.

L'Amministrazione Usa però ha riconosciuto a Teheran il diritto al nucleare civile: su questa base sono ripartite le trattative. Gli ultimi quattro anni alla Casa Bianca di Obama resteranno un periodo di armistizio temporaneo con l'Iran oppure, dopo la telefonata con Rohani, partirà un processo che rivoluzionerà gli assetti geopolitici mondiali?

Sono ottimista. Sostanzialmente, il pacchetto odierno di Zarif è quello della presidenza Khatami. Se Obama lo vorrà, nel suo ultimo mandato potrà permettersi una politica estera di netto cambiamento con il passato. La destra americana è finita in un vicolo cieco. Né gli Stati Uniti né l'Ayatollah Khamenei desiderano che esploda una guerra nell'area. Lo dimostrano anche i negoziati per la Siria: arrivato a un passo dall'attacco, Washington si è accordato con la Russia. Gli americani vanno sempre più verso una politica estera di risoluzione politica e diplomatica dei conflitti, dopo anni di interventi militari disastrosi.

Mantenere aperto un canale di dialogo con l'Iran, per Washington sarà centrale anche per stabilizzare l'Iraq e l'Afghanistan, dopo due guerre inutili. I due nemici giurati hanno molto di cui parlare insieme.

Combattere contro l'asse del male serviva a giustificare il budget della Difesa americana, sproporzionato per le minacce reali contro gli Stati Uniti. Le guerre fatte per l'industria degli armamenti e della sicurezza non si sono solo rivelate inefficaci: anzi hanno aggravato la situazione, accendendo conflitti prima inesistenti nella regione. L'Afghanistan è un Paese in macerie, il più povero al mondo, scosso da continui attacchi armati. L'Iraq è allo sbando, con 400 persone al mese perdono la vita negli attentati kamikaze. Anche in Libia, dopo i bombardamenti alleati, crescono il caos e gli estremismi. Così non si può più andare avanti.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 353 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info