Commessi da italiani 6 stupri su 10

E-mail Stampa PDF

«Commessi da italiani sei stupri su dieci» Poi il Viminale precisa

Corriere della Sera, 25 feb. 2009
25 febbraio 2009
di M.Antonietta Calabrò

La Matone e i dati del ministero

ROMA - I responsabili delle violenze sessuali sono italiani in più di sei casi su dieci (60,9%). Il 7,8% di tutti coloro che hanno violentato e stuprato nel 2008, è romeno, mentre il 6,3% è marocchino. Il capo di gabinetto del ministro delle Pari opportunità Mara Carfagna, Simonetta Matone, ha dato questi numeri, elaborati su dati freschi del ministero dell'Interno. Ma queste cifre sono bastate a scatenare una forte polemica politica. «Il governo è diviso» ha dichiarato Pino Arlacchi,

responsabile sicurezza dell'Italia dei Valori, che ha sottolineato che se la responsabilità è degli italiani, non si capisce perché si chiama in causa l'emergenza criminalità romena. Tanto che in serata il Viminale ha dovuto precisare che «la lettura corretta dei dati deve tener conto del fatto che i cittadini stranieri responsabili di circa il 40% dei reati di violenza sessuale commessi in Italia nel 2008 rappresentano meno del 6% della popolazione residente». Come dire attenzione, perché altrimenti si rischia di non capire il trend dei fenomeni. In effetti,andrebbe comparato almeno, in prima approssimazione, il numero degli stupratori «italiani» in rapporto al totale della nostra popolazione, e ugualmente andrebbe fatto per gli stranieri «stupratori» rispetto alla popolazione straniera. In secondo luogo, per raffinare l'indagine, l'indice andrebbe costruito, da ambo le parti, sulla sola popolazione maschile in età sessualmente attiva.

 

Va poi considerato che nel triennio 2004-2007 i responsabili italiani di violenze sessuali giungevano al 75 per cento mentre nello stesso periodo gli stranieri sono stati responsabili del 22 per cento degli stupri di italiane. Quindi il dato 2008, del 40 per cento di stupri attribuibili agli stranieri, è purtroppo in crescita. Fortunatamente, però, nel 2008 il numero totale di violenze sessuali è diminuito dell'8,4% rispetto all'anno prima, e sono calati del 24% gli stupri di gruppo. Il 2007 si può considerare un vero e proprio anno orribile: si è registrato un incremento nazionale del 5% degli stupri e del 10,7 di quelli di gruppo. Particolarmente colpita la Capitale (+13,4). Le medie nazionali però si modificano notevolmente in alcune grandi città e aree metropolitane. «Vicino a Roma il dato cambia», ha sottolineato Matone. Rimane la prevalenza degli italiani, ma scende «al 42%», mentre i romeni «salgono al 24%», cioè uno su quattro di chi si è macchiato di stupro è romeno. A Milano e Bologna invece le violenze sessuali sono costantemente diminuite nel triennio 2006-2008. Gli italiani fanno registrare il 41% dei casi a Milano e il 47% a Bologna, mentre nel 26% dei casi i denunciati sono stranieri nel capoluogo lombardo (11% romeni, 8% egiziani e 7% marocchini) e nel 21% in quello emiliano (11% marocchini e nel 10% romeni). Resta poi il dato nazionale: le vittime sono donne in quasi nove casi su dieci (85,3%). E sono italiane in 7 casi su dieci (68,9%).

M.Antonietta Calabrò

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 351 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info