Arlacchi: «Questa guerra non la vinceremo mai. Si arrivi al cessate il fuoco»

E-mail Stampa PDF

Il Messaggero, 11 ott. 2010

L'intervista

di Roberto Romagnoli

Bruxelles – Parlamento dell’Unione europea, nono piano. Visto da qui, dalla stanza di Pino Arlacchi, deputato europeo inserito nella Commissione Esteri, l’Afghanistan sembra una cavia nelle mani di chi avrebbe voluto liberarlo e invece è finito con l’usarlo come un esperimento di laboratorio. E questo atto di accusa è contenuto nel “Progetto di relazione su una nuova strategia per l’Afghanistan” che lo stesso Arlacchi ha presentato all’Assemblea parlamentare. A giorni il progetto sarà in discussione ed emendato; a novembre sarà posto ai voti.

C’è bisogno di un cambio di strategia per vincere la guerra?

«No, questa guerra non sarà mai vinta. Ora la priorità è arrivare a un cessate il fuoco».

E cosa bisogna cambiare?

«Innanzitutto porre fine allo scandalo dei contractors, bande di criminali che con il loro modo di .agire hanno fatto risorgere i talebani. I contractors sono 112.000, la maggior parte Usa e britannici, a fronte di 79.000 uomini in divisa. Rappresentano la privatizzazione della guerra. I loro “servizi di sicurezza” costano 14 miliardi di dollari l’anno. Sono uno scandalo».

Anche la situazione afgana, a fronte dell’enorme sforzo finanziario fin qui compiuto dalla comunità internazionale, è uno scandalo.

«E’ vero. Dal 2002 sono aumentate mortalità infantile, ignoranza e povertà. Si stima che in Afghanistan il costo per realizzare una scuola si aggiri sui 100.000 euro, dieci volte tanto per realizzare un ospedale. Ci si chiede: dove sono finite le decine di miliardi di dollari di aiuti? Il 70-80% non ha mai raggiunto il popolo afgano andando smarrite tra sprechi, costi eccessivi di intermediazione e sicurezza, fatturazione eccessiva, corruzione. L’insurrezione afgana si nutre soprattutto attraverso la catena delle forniture militari; con la guerra finanziamo i nostri nemici».

Il buonismo degli italiani è servito a qualcosa?

«Il modo di agire dei soldati italiani avrebbe dovuto servire da esempio per tutti gli altri. Purtroppo non siamo riusciti a farlo diventare una linea guida».

Qual è il peso della UE nelle decisioni sull’Afghanistan?

«Ha sempre seguito il pensiero Usa, non c’è mai stata una politica a Bruxelles e con la nomina della Ashton (ministro degli Esteri della UE) le cose sono peggiorate. Non conosce i problemi internazionali e non ha leadership».
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 110 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info