Arlacchi: "I mafiosi in Sardegna una scelta dissennata"

E-mail Stampa PDF

Sardinia post, 22 ottobre 2012

di Giovanni Maria Bellu

"I mafiosi nelle carceri sarde? E' una scelta dissennata. Sul piano tecnico e anche sul piano politico. Le vostre istituzioni devono far muro per fermare queste decisioni". A dirlo a SardiniaPost è Pino Arlacchi, uno dei massimi esperti mondiali di sicurezza

Ci dica dell'aspetto tecnico.

"I detenuti legati alla criminalità organizzata non vanno mai concentrati ma, al contrario, vanno "disseminati". Lo sa chiunque si occupi di sicurezza e di amministrazione penitenziaria. Se li concentri, non puoi che averne prima o poi degli effetti negativi. Metterli nello stesso territorio, per giunta in piccole carceri, significa proprio andare a cercarsela".

Anche in Sardegna? Lei ha scritto un libro intitolato "Perché in Sardegna non c'è la mafia" (AM&D editore) dove dimostra che il nostro è un terreno sociale e culturale poco favorevole a Cosa Nostra e soci.

"Certo. Infatti la Sardegna è stata già messa alla prova da questo punto di vista e ha dimostrato di saper resistere alle infiltrazioni. Ma non si capisce proprio perché si debba continuare a forzare la situazione. E' un'ulteriore manifestazione dell'atteggiamento diciamo 'nordista' e tecnocratico di queso governo. Su un altro fronte stanno facendo la stessa cosa: in Calabria nella Piana di Gioia Tauro. Esistono già due inceneritori e vogliono costruire un rigassificatore...

E questo è l'aspetto politico dell'errore che lei denuncia?

"E' questo. Non si possono caricare su singole regioni disagi e problemi che andrebbero distribuiti in tutto il territorio nazionale. Attenzione, io sono contro la politica del not in my backyard, non mi oppongo a queste scelte per una forma di "egoismo meridionale" o, nel vostro caso, di "egoismo insulare". Ricordo solo che in Italia ci sono venti regioni...

Ci sono precedenti di infiltrazioni mafiose avvenute in seguito allo spostamento di mafiosi nel territorio?

"E' quanto è accaduto nel Nord quando, negli anni Settanta, con l'uso indiscriminato del soggiorno obbligato, sono arrivati decine di mafiosi che sono stati distribuiti in piccoli comuni. Là è cominciato tutto, con i mafiosi che stabilirono le prime relazioni di potere. In questi ultimi anni si è quasi "scoperta" l'esistenza della mafia al nord, ma tutto cominciò allora. E le istituzioni locali non opposero alcuna resistenza".

Il contrario di quanto, secondo lei, dovrebbero fare oggi le istituzioni sarde?

"Sì, lo ripeto: dovete fare muro. E' una decisione dissennata. Che oltretutto colpisce un territorio come il vostro che dà già moltissimo alla sicurezza del Paese con le servitù militari. No, proprio non ve lo meritate".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 195 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info